Twitter sta utilizzando un ‘sistema di censura automatico’?Secondo alcuni attivisti, Twitter in questo momento sta limitando la visibilità di alcuni tweet — tra questi, dei tweet che parlano del reportage “The Drone Wars”, pubblicato da The Intercept, e che ospita al suo interno una valanga di informazioni riservate (e ottenute grazie a un whistleblower) riguardo la campagna statunitense in Siria e Yemen.

Al momento non è chiaro se questi tweet stiano scomparendo a causa di uno strano bug o se si tratti di una vera e propria operazione di censura nei confronti di chi sta parlando di questo ricco dossier relativo alle operazioni dell’esercito americano e al loro affidarsi a dati in gran parti non verificabili per giustificare alcuni omicidi. Se una serie di attivisti affermano di star venendo censurati, altri utenti affermano di non star notando nulla di strano nei loro account.

Paul Dietrich, attivista e analista indipendente di leak governativi, ha pubblicato un articolo sul suo blog personale in cui descrive come i tweet relativi al report di The Intercept non stiano più apparendo nelle timeline degli autori del dossier. I post sono ancora visibili se linkati direttamente e quando le suddette timeline vengono visualizzate attraverso un VPN — che permette agli utenti di visualizzare il web attraverso un indirizzo IP localizzato in un altro paese — , i tweet appaiono regolarmente.

Se viene usato un IP statunitense, però, sembra che i tweet non siano mai esistiti.

Dai un’occhiata al nostro giro per il dark web, alla ricerca di armi, droga e strani siti nascosti:

Almeno un altro tweet non legato al report sui droni sembra essere stato nascosto. Sulla timeline di Jacob Appelbaum, uno sviluppatore del Tor Project che ha retwittato dei post che Dietrich ha scritto riguardo The Drone Papers e che non appaiono più sulla sua timeline, un innocuo tweet su Chromebook risultava nascosto quando l’editor di Motherboard Matthew Braga ha controllato usando il suo indirizzo IP canadese. Il tweet era visibile dall’Inghilterra..

“Sembra chiaro che Twitter sia coinvolta in una qualche attività di censura,” mi ha scritto Appelbaum per mail. “La censura priva di trasparenza è una pratica ingannevole. Costruire sistemi automatici di censura è un chiara decisione politica da parte di Twitter.” E questa non sarebbe la prima volta che Twitter ha aizzato le ire degli attivisti anti-censura. Nel 2012 Twitter ha acconsentito a rimuovere dei tweet nel caso in cui questi, in alcuni paesi, violassero le leggi.

Dietrich ha aggiunto in una mail criptata che crede che Twitter stia prendendo di mira alcuni utenti specifici, oltre che effettuare operazioni di filtraggio dei contenuti basati sulla geolocalizzazione dell’indirizzo IP.

Il problema non è un’esclusiva di Dietrich, Appelbaum o dei soli contrari al programma di spionaggio americano o alle campagne militari coi droni statunitensi. Gli stessi tweet sono spariti anche dalle timeline di chi il reportage di The Intercept lo ha criticato, come per esempio il blogger Peter Koop.

“Ciliegina sulla torta, anche Peter Koop mi ha chiesto di fare un controllo sulla sua timeline,” mi ha scritto Dietrich. “Il problema si presentava anche in questo caso. I tweet relativi a The Drone Wars non erano visibili negli Stati Uniti, ma in Germania sì.”

Secondo Dietrich queste rimozioni dovrebbero appartenere ad una più larga operazione di filtraggio dei tweet ritenuti abusivi, al fine di limitarne la loro portata. Secondo un post firmato da Twitter stessa, questa funzione è ancora in fase di testing e imperfetta nel suo intercettare tweet “relativi a una vasta gamma di argomenti e contesti che vengono spessi associati al concetto di abuso.”

Twitter non ha risposto alla nostra richiesta di un commento. Aggiorneremo questo post se ci saranno sviluppi


Originally published at motherboard.vice.com.

Show your support

Clapping shows how much you appreciated umberto gaetani’s story.