Borsa

LEI: Oddio grazie

LEI: Ti piace?

Sì, sì, ovvio che mi piace

Sono contenta

È stupenda, non ne avevo mai avuta una così

Mi sembrava il tuo stile

Lo è. Lo è.

Tutto bene?

Sì, è solo che non avevo mai avuto una borsa così. Ecco tutto.

Sì ho capito. Insomma, non ti piace

No, non è questo il punto

E allora qual è. Santo cielo, non ti deve piacere per forza

È che è troppo bella. Troppo.

Ma cosa vuol dire, scusa?

È bella, è costosa. A cosa la abbino?

A cosa?

Ma che ne so io a cosa la abbini?

E poi è una borsa per cene importanti, per eventi, io non faccio nessuna di queste cose

Magari le farai

Magari no

Oh ma insomma

E poi non camminerei per strada tranquilla

Cos’è, un’esca per malviventi?

Esatto. Questa borsa dice che ho delle cose che in realtà no, non ho, non ho per niente.

Senti, è un regalo, è il mio regalo. Bastava scartarlo, dargli un’occhiata e ringraziare. Ma è così difficile per te comportarti normalmente?

Forse sì

Forse mi sono stancata

Scusa, io

Ridammela

No

Ridammela

No. Quello che ho detto. Scusa.

No

Non è la borsa

E cos’è?

Non mi riferisco alla maledetta borsa

Cos’è?

Non ha senso

Cosa. Diavolo. È.

Sei tu