Una settimana con i Radiohead

La Karma Police mi sta cercando

Pexels — http://bit.ly/29d5RiG

Tutto è iniziato circa una settimana fa.

Ero a lavoro e il mio capo (distratto) mi ha fatto vedere quello che lui ha definito “Il trailer più bello di sempre”, ovvero The Social Network.

Canzone del trailer: Creep dei Radiohead.

Era il 1993 e la band rock band inglese rilasciava la canzone che trattava il tema dell’essere un tipo strano. Non sentirsi a proprio agio.

Nel caso specifico risultava difficile essere un uomo negli anni ’90, ma noi weirdo abbiamo sempre sentito la necessità di conoscere la nostra stranezza, per accettarla e non nasconderla.

And I wish I was special
You’re so fuckin’ special
But I’m a creep, I’m a weirdo.
What the hell am I doing here?
I don’t belong here.

Sicuramente i dati hanno visto un’impennata nella sezione Viste-dallo-Psichiatra nel 1993.

Karma Police

Presa ormai dal trailer in loop, sono finita in quelle playlist di YouTube che dovrebbero chiamarsi tutte “Lasciate ogni speranza o voi che entrate” perché non ne uscirai mai.

La cosa poteva finire lì, in un revival della musica anni Novanta come tanti.

Non fosse che due giorni dopo, in una di quelle chat WhatsApp che archivi a vita, chiedono quando i Radiohead saranno in Italia. Scopro che faranno un tour nel 2017 e che suoneranno vicino casa.

Con ancora in testa “I lost myself” controllo i biglietti senza prendere una decisione. Anche qui vado avanti con la mia vita.

Esco dall’ufficio e alla radio passano Karma Police.

Inizio a stranirmi. Sento la rock band ovunque da una settimana.

Una immensa colonna sonora del mio dicembre?
Poteva andarmi peggio.
http://bit.ly/2g5q5JS

Arrivo con un (elegante) ritardo di 23 anni, in quella che potrebbe essere la campagna di Neuro Marketing più brillante del mondo.

Cari Radiohead,

non so esattamente cosa vorreste dirmi, ma avete una nuova fan nel mondo.