(22-AUG-2016) RENATO DUL BECCO ANNOZERINY

Cari Italianofoni Globali,

adesso Vi racconto un’ altra storia incredibile — degna di Raffaele Cantone.

“IL PUNTO” era il negozio de “LA CARTOLAIA”, qui nel Quartierino. Un negozio normalissimo, con una gentile signora cinquantenne ancora piacente, che forniva i quadernoni e le cartellette ai bambini e alle mamme — ma anche ai bambini coi papà al sabato… — un “menage” di Provincia, proprio uno di quei “soggetti” che sarebbe stato colto da Tinto Brass per una “parte” a Serena Grandi…

In seguito, “IL PUNTO” divenne un giornale locale a distribuzione gratuita, che tentava di fare concorrenza a IL CITTADINO ed a IL GIORNALE DI MONZA, ma che — di “basso cabotaggio” — non poteva permettersi storie e/o interviste con il PM Mapelli o il Sindaco Colombo o gli Assessori Ascrizzi o Honorati, e limitavasi a qualche Consiglierucolo del PiDi`.

Poi arrivo` “IL PUNTO INFORMATICO”, al CED del Comune.

Il Collega Dott.Sc.Inf. lo riceveva tutti i giorni (5/7) via e-mail: era un Notiziario gratuito sul mondo ICT (Information and Communication Technology). Anch’io per un certo periodo di tempo ricevetti “IL PUNTO INFORMATICO”, assieme ad un altro, tale : “MARKETPRESS” (le “testate” non mi dicevan nulla, all’epoca).

Ebbene: NON VI HO MAI LETTO NULLA ATTORNO AL SITO ULTIMATEFREE.COM .

Avrei dovuto ?

SI`. SECONDO IL DIRIGENTE (DI II LIVELLO), SECONDO IL RESPONSABILE DI SERVIZIO, SECONDO L' AMMINISTRATORE DI SISTEMA, secondo i tre designati dalla Giunta Colombo — SI`.

Questi tre qui, ad un certo momento — benchè mai l’abbian poi esplicitato — davan la colpa a me perchè arrivavano (“sarebbero arrivate”) DIECIMILA SPAM AL GIORNO AL SITO DEL COMUNE !

Come UN INTASAMENTO DEL BIDET E DELLA DOCCIA IN CASA VOSTRA, insomma !

Che arrivassero 10’000 spam al giorno lo diceva lo A.d.S. (domandate al Magnifico Rettore della Qualità Scientifica di questo Intoccabile Dottore in Scienze Matematiche…). Quali strumenti di misura avesse per quantificare il dato, lo sa solo lui ! (il Dirigente del Settore Sistemi Informativi era laureato in Scienze Politiche…). Magari eran solo 100 ed il Sistema “Tarock Comunix” gliene contava 10’000...

IN OGNI CASO — WHATEVER — questi tre qui compivano un passo avanti.

QUESTI TRE QUI “MONTAVANO” LA RELAZIONE “CAUSA — EFFETTO” !

Cari Lettori Italianofoni Globali, quanti fruitori di www.ultimatefree.com vi sono stati tra di Voi — quanti tra di Noi — che per il solo fatto di avere navigato tra le “gallerie” di UltimateFree, si sono “beccati” 10’000 spam al giorno al proprio indirizzo (postelettronico) ?

QUANTI ?

Rispondo io personalmente :

— “NESSUNO !”

Nessuno, perchè lo ho appurato testè, personalmente. Dai motori di ricerca NON EMERGE ALCUNA NOTITIA. E badate che, per la NETIQUETTE, se un webmaster compisse UNA PORCHERIA DEL GENERE, cioè di metter un automa che carpisseti lo IP, lo hostname e da li` l’indirizzo e-mail, e ti segnalasse quest’ultimo nelle blacklists degli spammers, beh, sarebbero PIENI I NOTIZIARI, DI TITOLONI, ED I FORUM PUBBLICI PSEUDONIMICI, DI BESTEMMIE… (Ad Arezzo han dato fuoco due volte ad aruba).

Dunque:

— “NON C’ENTRA NIENTE !”.

Quindi i tre de quibus giuridicamente ”CALUNNIAVANO” (U.S. Law, mediante Querela di parte) il Titolare del Sito ultimatefree.com, e “DIFFAMAVANO” (Art. 595 C.P., procedibile d’ufficio dalla Procura della Repubblica di Monza) il qui manifestante (in seguito addirittura fascistoidamente cancellato, benché sotto pseudonimo, nell’ Anniversario del decesso Pinelli).

Il sito era gratuito, aveva un dialogbox di avviso di contenuti per Adulti, e richiesta di accesso mediante AUTO DICHIARAZIONE DI MAGGIORE ETÀ (cliccando NO, non si poteva accedere — il Sito era LEGITTIMO, benchè incredilmente gratuito…). La navigazione NON comportava alcuna ONEROSITÀ: la connettività di accesso internet (HDSL) fu fornita dapprima gratuitamente e poi divenne “FLAT” (cioè come il Canone RAI: te lo addebitano lo stesso in bolletta anche se non accendi il televisore e costa sempre lo stesso anche se ci stai ossessivamente compulsivamente a fare “zapping” 24 ore al giorno con delle occhiaie tante…). La Galleria “scaricata” dal qui manifestante NON ha MAI risieduto su alcuna Area di Storage istituzionale, veniva incollata su un disco ZIP ad acquisto personale, ed in seguito su una Chiavetta USB ad acquisto personale, che MAI sono stati riposti in alcuna Furniture istituzionale (ma erano trasportati con la persona, in relazione all’ accesso), collezionando all' incirca un duecento SCATTI AMATORIALI, in una ventina di accessi, al massimo (perdippiu` GIAMMAI segnalati da alcun Avviso di Rischiosità per Cybersecurity…).

L’uso della Postazione era assolutamente LEGITTIMO in quanto “HBC” PROFESSIONALMENTE ABILITATO, all' interno di un BACK OFFICE ad ACCESSO VIETATO ai NON AUTORIZZATI, il Sistema Operativo NON aveva alcuna condivisione, ma solo delle Connessioni a Stampanti di Rete e Storage di Rete, ed infine la “Navigazione” internet NON era soggetta ad alcun REGOLAMENTO D’USO (perchè MAI emanato dalla Direzione del Personale).

In sostanza :

UNA VICENDA DI “SCIACALLAGGIO”,

sul tipo di obbligare un ustionato a recarsi fare i bagni al mare, nell' acqua salata, perchè alla piscina d’acqua dolce han chiusa l’acqua, subito dopo Ferragosto, perchè costa troppo al Gestore…

Cari Lettori, invitoVi a riportare queste memorie mie veritiere alla Autorità Giudiziaria Sovrannazionale — restando io (il Maestro Pregadio è passato a Migliore Vita) a disposizione anche per Penna d’Oca e Ceralacca…

Like what you read? Give Denonimo a round of applause.

From a quick cheer to a standing ovation, clap to show how much you enjoyed this story.