Ass

In questi giorni ho ricevuto delle simpatiche telefonate da parte di compagnie di assicurazioni che mi proponevano delle altrettanto simpatiche offerte (in occasione del mio compleanno, yuh che fortuna essere nati!): 
La prima per soltanto 25€/mese (una miseria) mi proponeva un’assicurazione contro gli infortuni che copre più infortuni della mia attuale assicurazione. Ovviamente non conoscono la mia assicurazione attuale. Scusi posso avere un’email con la lista delle coperture, così faccio il confronto? no, prima deve accettare il contratto e poi noi le inviamo il contratto. Wow. 
La seconda mi proponeva (altre 25 €/mese) una non svalutazione del valore della mia fantastica autovettura (che finirò di pagare nel 2027). In pratica se mi spiaccico in autostrada o se un meteorite mi prende in pieno, anche fra 2 anni (certe cose meglio rimandarle), mi rimborsano in base ad un valore della macchina che è quello attuale …io ho la consistenza della marmellata alle albicocche ma comunque figata. 
Fateme capì: io devo spendere una cinquantone al mese sperando su un futuro bruttissimo, perchè, a ben vedere, se tutto andrà bene avrò buttato via 50€/mese. Dico bene? 
Le assicurazioni ti convincono che se tutto andrà male, tutto andrà bene. 
Grazie, davvero gentili, ma preferisco spendere 50€/mese (vabbè un po’ di più) per un finanziamento con cui mi comprerò un sax nuovo, una chitarra per il mio bimbone e forse la macchina fotografica che mi piace tanto (ne approfitto: vendo nikon D200 con varie ottiche). 
Così facendo cercherò di attaccarmi con le unghie a questo presente che a ben guardare è proprio bellissimo, suonando (che è il modo più bello per vivere nel presente), facendo le mie 10’000 foto all’anno (ogni scatto un tentativo di presenza) e scrivendo un sacco di puttanate. 
Hai presente che vera figata?

E ricorda sempre: assicurazione comincia per ass