Open Data e il deserto
ErikaMarconato
133

Ciao Erika, grazie per aver avviato una discussione sull'argomento a partire dal tuo lavoro utilissimo di traduzione. Ho voluto anche io interrogarmi sul significato che davo al termine “openness” scrivendo la mia tesi di specializzazione, che declinava il tema nel campo dei beni culturali, ma allora ho sentito il bisogno di inquadrarlo comunque in un contesto più ampio (gli studi di archeologia non mi sono serviti per ottenere un buon lavoro, ma di sicuro mi hanno lasciato il bisogno perenne di collocare ogni dato in un contesto per trasformarlo in “informazione”). Non mi soffermerò sui processi che dovrebbero essere attivati tra decisori delle politiche pubbliche, produttori di dati e fruitori. Concordo in parte con quanto scritto da Francesco Paolicelli sulla necessità di un ecosistema. In maniera soggettiva, scriverò del motivo per cui io mi sono avvicinata a questo movimento, pur non essendo una “tecnologa”, ma guidata dall'ideale illuminista secondo il quale la formazione moderna può garantire libertà, progresso sociale e crescita individuale solo attraverso l’accesso universale al sapere. L’evoluzione delle Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (TIC) ha fornito strumenti utili a rafforzare la domanda di accesso alla conoscenza, la sua condivisione e il suo riuso. Quindi per me “openness” ha finito con l’essere una caratteristica dei sistemi di conoscenza e di comunicazione delle istituzioni pubbliche così come di organizzazioni e comunità di vario interesse, che stanno evolvendo in sistemi digitali. Il dovere di questa generazione è fornire a più persone possibili gli strumenti per essere davvero liberi all'interno di questi sistemi digitali, attraverso il formato dei dati, le licenze utilizzate, la disponibilità di contenuti e la consapevolezza degli strumenti utilizzati (il digital divide e l’analfabetismo funzionale non sono una opinione purtroppo). Forse ho scritto banalità, ma non ho resistito alla tentazione di poter avere un confronto con te. A presto!

Show your support

Clapping shows how much you appreciated Paola Liliana Buttiglione’s story.