A Pavia si studiano i terremoti

Sono giorni, ore di assoluto dolore e sconforto per il disastroso terremoto che ha colpito l’area tra Rieti, Ascoli Piceno e Perugia. Ancora una volta, la vita di molte persone, la loro storia e quella di una intera comunità e di un Paese, si sbriciolano in pochi secondi cancellando un tesoro impareggiabile. L’impossibilità di controllare o prevedere un evento catastrofico di questo genere, rende tutto ancor più doloroso il prezzo da pagare in termine di vite umane.

La sismologia è ancora una scienza giovane. Ogni evento ha caratteristiche e variabili proprie ed uniche, diventa perciò costruire un qualsiasi tipo di modello da applicare in maniera diffusa. Dopo la grande prova di forza e di solidarietà mostrata da tutti gli Italiani, dopo la fase emergenziale dovremo affrontare la ricostruzione delle zone colpite. Come ha titolato Alberto Quadrio Curzio nel suo editoriale, è necessario “Investire in prevenzione, strada obbligata per ripartire” per non dover piangere per causa di responsabilità disattese e colpe meschine.

Continua a leggere sul blog di Noise From Pavia http://wp.me/p3D4Zo-Qi

Like what you read? Give Paolo M. Micheli a round of applause.

From a quick cheer to a standing ovation, clap to show how much you enjoyed this story.