Invece l’addestramento a questa lotta perversa inizia quando, appena bambine, prendiamo coscienza del mondo circostante. Tutto inizia nel momento in cui realizziamo che per noi donne l’importante non è prenderci cura del nostro corpo per farlo crescere forte e sano, ma piuttosto contenerlo e domarlo. Lo scopo è quello di avvicinarsi il più possibile all’immagine iperuranica della Femminilità Perfetta®.
Resistere al proprio corpo
Lucia Marinelli
122

A proposito di addestramento, la colpa è principalmente dei genitori che, loro stessi vittime di un’educazione di genere, rifilano la stessa pappa ai loro figli. Alle bambine Barbie anoressiche e, perché no, anche se se ha 10 anni una piccola scarpa con il tacco ed un po’ di trucco alle feste «così puoi sentirti già un po’ donna». Ai bambini invece bandito qualsiasi cosa che attacchi la sua virilità di uomo, per lui giocattoli avventurosi e macchinine. (Tra l’altro una bambina che gioca con le macchinine va bene, ma è un disastro un bambino con una Barbie).

Si tende sin da piccoli ad essere incasellati in ruoli, quello della «femmina» e del «maschio», senza pensare che siamo solo bambini e bambine che vorrebbero solo fare quello che vogliono, spinti dalla curiosità.

È per questo motivo che, crescendo, si creano tutte queste differenze tra i due sessi. La donna deve incarnare lo stereotipo di superfiga di sesso debole alla ricerca di un uomo che la protegga, l’uomo invece dello «spaccafighe» forte e protettivo.

Ma se un uomo o una donna non riescono a rientrare all’interno dello stereotipo? Che cosa succede? Una donna forte fa paura agli uomini ed una meno curata viene snobbata, al contrario però anche un uomo che non rientra nei canoni di virilità è uno sfigato. Perché un uomo non può sentirsi protetto da una donna?

L’articolo affronta un tema si interessante, ma la questione, secondo me, andrebbe vista da un lato differente. Perché altrimenti si fanno i soliti discorsi di genere che non portano da nessuna parte.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.