Propositi per il nuovo anno

Hiroshi Sugimoto
El Capitan, Hollywood, 1993

C’è tutta quella gente,
sono veramente in tanti, che a fine giornata se ne vanno a letto, e non hanno altro a cui pensare tranne che alla realtà.

Hanno avuto una bella giornata, o una giornata di merda, poco importa. 
Guardano l’orologio, si fanno una tisana, alcuni anche una sega.

Quelli che mi fanno più rabbia di tutti sono quelli che si leggono un libro.

Hanno vinto o hanno perso non importa. Hanno una sola vita, brutta o bella che sia. Un solo giorno, un solo pomeriggio, una sola notte.

Non è per me, sempre diviso tra quello che c’è e quello che poteva essere, tra quello che sono diventato e quello che avrei voluto essere.

Tra quello che succede intorno, e quello accade dentro. Tutto insieme, senza coerenza.

Per avere ancora, avere quello che non si può, quello che non c’è.

Per avere ancora, avere quello che non si può, quello che non c’è.