Ieri sera tornando felice

Ieri sera tornando felice ho visto sulla tramvia una giovane donna con dei capelli meravigliosi, lei era meravigliosa tutta. Era vestita strana [leggi come piace a me] e aveva dei ricci corti spaziali che andavano ovunque ed erano grigi, non silver, grigi come le anziane ma lei era giovane. Mi piaceva guardarla ma ero felice quindi mi sono occupata d’altro.

Le mie tende nuove mi piacciono, hanno dei rombi azzurri e sembrano sorridermi, le guardo dal letto mentre leggi. Sento gli occhi che si chiudono e so che sto per scivolare nel sonno, resisto ancora un attimo. Allungo la mano e ti tocco con la punta delle dita e resto ferma. Sento il calore che si trasmette, tutto confluisce in questo unico punto, sembra quasi fare luce. Mi visualizzo come E.T. nel lenzuolo, scaccio l’immagine, sorrido. Mi piace questo contatto caldo che dice ci sono, ci sei. Stiamo qui insieme, accanto, è una cosa viva.

Sto già dormendo, vero?

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.