Post-it da Macondo

Ho ritrovato vecchi libri che mi hanno rimandato l’immagine di una me diversa, Facebook mi ha suggerito ricordi di passi decisivi che non avrei saputo più collocare nel tempo precisamente, riesumo vecchie lettere che parlano di una me ormai lontana. Perché sembro vivere solo di presente; quello che sono stata- anche meravigliosamente- è come se non mi costituisse come realtà adesso. Passato. Mi ricordo eh, ma non mi sposta di un nulla, esisto solo in quello che mi fa vivere e mi accade ora. Non avevo mai guardato alle cose che scrivo come delle tracce per riportare al presente non i ricordi dei fatti ma della me che li faceva. Menomale che scrivo, persino sui post-it, scrivo pezzetti di chi sono, come facevano a Macondo per non dimenticare le parole e i significati. Lì non sembrò funzionare, e anche per me il significato di Puffosaltatore va sbiadendo, speriamo che col resto di me vada meglio.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.