Bene Comune | Bene di tutti

CC Raffaele Piccolomini_Designer

Il partito Bene Comune si presenta alle italiane e agli italiani con la volontà di rilanciare il Paese valorizzando ogni singola risorsa umana, il patrimonio paesaggistico, immobiliare e pubblico e il rilancio dell’economia locale.

CC Raffaele Piccolomini_Designer

Bene Comune immagina città a misura di tutti. Sono necessarie forme di supporto alla disoccupazione per rispondere alla gravità della crisi.

Il reddito di cittadinanza senza requisiti non convince perché rischia di far ricadere sulle comunità il peso dei profitti delle grandi società private.

Bisogna tutelare il lavoro, ridurre gli orari a parità salariale, combattere le delocalizzazioni, supportare con ammortizzatori sociali chi perde il lavoro. Guardiamo con attenzione e supportiamo i mercati rionali e i ristoranti dalle grandi catene internazionali. Stesso discorso vale per l’artigianato e altri progetti che Bene Comune ha realizzato in questi mesi.

Bisogna modificare la gestione del nostro patrimonio, facendo in modo che i proventi del turismo e della cultura restino alle città. Riteniamo che il patrimonio comunale debba essere utilizzato per finalità sociali.

La svendita ai privati non comporterebbe un reale guadagno per la città in termini economici, nè in termini sociali. Le case devono essere utilizzare per chi è in emergenza abitativa, i locali commerciali per il sostegno alle piccole attività, per aumentare le attività culturali in periferia, per iniziative sociali, per il sostegno allo sport a prezzi popolari nei quartieri.

La privatizzazione dei servizi non migliora la loro qualità e peggiora le condizioni dei lavoratori e degli utenti. Tutti i casi di privatizzazione realizzati a Roma si sono rivelati assolutamente controproducenti. 
La trasparenza amministrativa è un elemento assolutamente centrale.

Rendere i bilanci delle partecipate trasparenti è un modo per diminuire corruzione e sperperi a danno dei cittadini. La trasparenza amministrativa è un elemento assolutamente centrale per Bene Comune. 
Siamo favorevoli a ogni tipo di provvedimento che vada verso una maggiore trasparenza e comunicazione con i cittadini.

Sicurezza: miglioramento delle condizioni di sicurezza dei cittadini un fatto positivo, ma considera che solo attraverso investimenti di carattere sociale sarà possibile eliminare le cause che creano insicurezza. In mancanza di una reale politica di incentivo dei mezzi pubblici, e di una rete di mezzi pubblici di trasporto che copra realmente le esigenze dei romani, limitarsi a giornate di blocco del traffico non ottiene grandi risultati.

Le ztl finiscono per diventare solo uno strumento a danno dei cittadini più poveri. Investiamo seriamente nei trasporti pubblici, non servono provvedimenti emergenziali, ma strutturali. 
Bene Comune intende bloccare le concessioni di nuove costruzioni. Roma ha consumato negli ultimi dieci anni l’equivalente di 5.500 campi da calcio di suolo. Il tutto in una città con 194.000 immobili sfitti. Basta favori alla speculazione edilizia che per anni è stato il vero motore degli interessi della città. Sì a progetti di riqualificazione, per l’edilizia pubblica e privata, con progetti per risolvere l’emergenza abitativa.

Il “Bene Comune” intende tutelare la libertà di accesso dei cittadini alle spiagge della città, con aumento delle aree libere. 
I campi nomadi sono un sistema da superare, attraverso politiche di integrazione e politiche sociali. Chi difende i campi, difende un sistema ghettizzante e criminogeno che crea solo conflitti tra poveri. 
I cittadini rom (che spesso sono cittadini italiani) hanno diritto come tutti gli altri ad una casa popolare se ne hanno i Il Il Partito è contrario alle olimpiadi di Roma2024.

Basta vedere il modo in cui sono state gestite le opere dei mondiali di nuoto del 2009 o considerare che le stesse persone del comitato organizzatore erano al vertice di Italia90. Le olimpiadi servono solo a palazzinari e speculatori per ottenere nuovi guadagni a danno della collettività. I Romani le olimpiadi le fanno tutti i giorni per prendere una metro o un autobus. Finanziamo queste spese e le attività sportive nelle periferie, per rendere lo sport accessibile a tutti i cittadini.

CC Raffaele Piccolomini_Designer

Il logo di “Bene Comune è rappresentato da un cerchio a sfondo rosso — #c31d1b — nella cui parte alta è inserito un simbolo grafico di colore bianco che rappresenta la condivisione di valori ed obiettivi, mentre nella parte bassa, orientata a sinistra, insiste la scritta di colore bianco “BENE COMUNE”

Laboratorio di Comunicazione Politica c/o La Scuola Open Source, Bari 15/16 Febbraio 2017
http://lascuolaopensource.xyz/didattica/comunicazione-politica

Progetto a cura del gruppo “Bene Comune” composto da Grazia Solazzo, Giorgio Scolozzi e Raffaele Piccolomini.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.