Quali sono i cittadini italiani maggiormente orientati al futuro?

Abitanti di Firenze e Roma sono i più orientati a usare in maniera creativa le informazioni a loro disposizione e ad avere una visione ampia delle esperienze della vita per interpretare il presente con uno sguardo verso il futuro.

Questo articolo cerca di mostrare quali sono le città italiane ad avere i cittadini più orientati al futuro, alle diverse possibili situazioni della vita e dalla mentalità più aperta e creativa. È comune pensare che persone con caratteristiche di questo tipo si trovino in città ricche di storia e di influenze sociali diversificate, come il turismo o particolari aspetti culturali. Analizzando i risultati del test di personalità 16 PF Swiss, è stato possibile indicare che gli abitanti di alcune città italiane d’arte e cultura sono i più orientati a usare in maniera creativa le informazioni a loro disposizione e ad avere una visione ampia delle esperienze della vita per interpretare il presente con uno sguardo verso il futuro.

Ipotesi di ricerca

Le persone orientate verso l’intuizione hanno un modo tutto particolare di interpretare la realtà, di fare delle previsioni e di elaborare le informazioni. Queste persone vanno oltre l’immediatezza di quello che percepiscono e hanno una visione globale delle cose. È possibile ipotizzare che queste caratteristiche si possano sviluppare in contesti dove molte persone interagiscono, dove molti punti di vista diversi affluiscono e dove la cultura si intreccia con il pensiero in molti modi diversi. Città con queste peculiarità sono numerose in Italia e sono rappresentate da centri popolosi, ricchi di cultura, dove le possibilità di entrare in contatto con diversi punti di vista sono numerose. Ma è davvero corretto dire che in queste città i cittadini sono più orientati al futuro?

L’intuizione come tratto di personalità

Se questa affermazione risultasse fondata, sarebbe possibile individuare delle differenze nei tratti di personalità degli abitanti di questi centri. Nel dettaglio, tali abitanti sarebbero maggiormente orientati verso “l’intuizione” piuttosto che verso la “sensazione”, tratti di personalità individuati da Carl Gustav Jung: un orientamento verso tali caratteristiche indicherebbe un individuo propenso a effettuare delle previsioni, costruire delle interpretazioni e meno indirizzato agli aspetti pratici e pragmatici della persona.

Dunque, la domanda cui dare risposta è: le persone delle città culturali, turistiche e d’arte sono più orientate verso l’intuizione rispetto al resto della popolazione italiana?

Metodo di ricerca

Per dare una risposta a questa domanda, un team di ricercatori, guidato dal Dr. Eike Post, ha esaminato i risultati dei test di personalità di più di 121,000 italiani. I risultati dei test di personalità analizzati dal team provenivano dal test 16 PF Swiss. Questi test sono stati gestiti da IQElite.com per un periodo di 7 anni, dal marzo 2010 a maggio 2017. IQElite è un’applicazione in cui gli individui possono effettuare numerosi test psicometrici ed essere associati ad amici o possibili partner in base ai risultati.

Il test di personalità 16 PF Swiss si basa sui 16 fattori di personalità individuati da Carl Gustav Jung (Esegui il test qui). Il test ha 4 dimensioni di personalità con due estremi ognuna:

  • Introversione vs. Estroversione
  • Pensiero vs. Sentimento
  • Intuizione vs. Sensazione
  • Percezione vs. Giudizio

La ricerca si è focalizzata sul fattore Intuizione vs. Sensazione e ha elaborato i risultati di oltre 121,000 individui, producendo i risultati illustrati nel grafico che segue:

Risultati

Nel grafico soprastante, i ricercatori hanno paragonato 12 città italiane per misurarne il grado di affidamento all’intuizione tramite i dati dei partecipanti al test di personalità 16 PF Swiss di IQElite.com.

Come è possibile vedere dalla rappresentazione, per molte città l’orientamento verso la sensazione è meno marcato. Questo dato può essere spiegato dai numerosi aspetti culturali e turistici che caratterizzano quasi tutte le città italiane. Firenze, Roma e Palermo mostrano una tendenza molto più marcata rispetto a quella delle altre città italiane, avendo una propensione verso l’intuizione molto più consistente.

Conclusioni

Analizzando i risultati del test, le città di Firenze, Roma e Palermo sembrano essere le tre in cui l’orientamento all’intuizione è maggiore e quindi possono essere identificate come le più orientate verso il futuro. I dati confermati da IQElite.com mostrano che le persone di queste due province e quelle della capitale possono essere considerate le più orientate al futuro e all’interpretazione, in linea con la percezione generale, la quale indica le città connotate da forti aspetti culturali, artistici e turistici come quelle abitate da cittadini più propensi a pensare al futuro, in maniera creativa e tendenti ad interpretare.