Foto di Elisa Caldana per Cinemazero [archivio / 2 marzo 2018]

Between Utopia and Reality stands the Humanity

di Carmen Riccato

Il silenzio si assesta lentamente, le luci s’abbassano, aspettano il buio “magico” porta Altrove, le immagini cominciano a scorrere, da dove comincia il suono? da dove ha origine? Il silenzio si fa fruscio, poi quasi calpestio, poi ancora rumore, lascia il tempo alle immagini di respirare, agli occhi dello spettatore abituarsi alla velocità, alla ripetizione, prima che compulsiva, vitale. In quello che si percepisce il tempo d’un battito di ciglia: umani ridenti, distratti, bianchi neri, uomini donne e bambini abitano la città, i suoi parchi pubblici: tutti nessuno escluso, a modo suo gioisce, illuminato dalla luce naturale…


Shirley Clarke e Ornette Coleman © Reading Bloom / Shirley Clarke Estate

ORNETTE: MADE IN AMERICA — UN FILM DI SHIRLEY CLARKE

di Carmen Riccato

In occasione della ridistribuzione nelle sale di Ornette: Made in America [1985] — in versione restaurata da Ross Lipman e UCLA Film & Television Archive — siamo lieti di ospitare questo scritto di Carmen Riccato, una brillante studiosa di cinema che in punta di piuma medita sul contrappunto visivo e sonoro tra due grandi artisti del Novecento: Shirley Clarke e Ornette Coleman.

Un bimbo entra nel bar di Felix: una casa rossa e gialla con l’insegna nera a caratteri cubitali in mezzo ad un brullo terreno sovrastata solo da alte chiome verdi. Il bimbo entra ed esce…


A still of THE EXPLODING DIGITAL INEVITABLE [2017] presented at EYE Filmmuseum on April 25th, 2017. Photo © Courtesy of Kohn Gallery and Ross Lipman

Festival du Nouveau Cinema (Montreal), Union Docs (New York)…

Ross Lipman è un filmmaker, archivista e saggista di Los Angeles. È stato a lungo Senior Restorationist presso la UCLA Film & Television Archive, specializzandosi nel restauro di pellicole indipendenti e sperimentali come

Shadows [1959], Faces [1968] e Woman Under the Influence [1974] di John Cassavetes, Wanda [1970] di Barbara Loden, Scorpio Rising [1963] di Kenneth Anger, Eadweard Muybridge, Zoopraxographer [1975] di Thom Andersen e The Times of Harvey Milk [1984] di Rob Epstein and Richard Schmiechen.

Ha inoltre restaurato diverse opere che Reading Bloom, in collaborazione con Milestone Film e Conner Family Trust, riporterà nei cinema italiani nel 2018…


Uno scatto di Weegee (Arthur Fellig) © International Center of Photography.

SINFONIE URBANE, STRAIGHT PHOTOGRAPHY, NEW AMERICAN CINEMA

In occasione della ridistribuzione dei film di Shirley Clarke in versione restaurata e rimasterizzata, pubblichiamo in 5 puntate alcuni estratti di “Naked City: identità, indipendenza e ricerca nel cinema newyorchese”, monografia di Maria Teresa Soldani edita dai Quaderni di CinemaSud nel 2013 e ora in corso di ristampa. Per Reading Bloom l’autrice e compositrice sta curando la sonorizzazione dei BRUSSELS LOOPS (1958) di Shirley Clarke e D.A. Pennebaker, che saranno proiettati in anteprima italiana a Venezia il 5 settembre 2017 sulle vele dell’Edipo Re, storica imbarcazione a vela e motore di Pier Paolo Pasolini e Giuseppe Zigaina.

LA SECONDA AVANGUARDIA

Il 1945 è considerato l’anno d’inizio della Seconda Avanguardia americana, la cui base è ovviamente New York. Nel 1943 Eleanora Derenkovskaya — un’immigrata ucraina laureata in scienze politiche e letteratura inglese, appassionata di danza e rituali — realizza insieme al marito Alexander Hackenschmied (in arte Hammid), regista d’origine cecoslovacca, Meshes of the Afternoon (id.): il film, realizzato con una Bolex 16 mm di seconda mano, è interamente recitato, girato e montato da loro. Lo stesso anno Eleanora adotta il nome d’arte di Maya Deren, mentre nel 1944 realizza At Land (id.), film in cui è ancora attrice e regista.


Fotografia © Walker Evans, in “American Photographs” (1938).

SINFONIE URBANE, STRAIGHT PHOTOGRAPHY, NEW AMERICAN CINEMA

In occasione della ridistribuzione dei film di Shirley Clarke in versione restaurata e rimasterizzata, pubblichiamo in 5 puntate alcuni estratti di “Naked City: identità, indipendenza e ricerca nel cinema newyorchese”, monografia di Maria Teresa Soldani edita dai Quaderni di CinemaSud nel 2013 e ora in corso di ristampa. Per Reading Bloom l’autrice e compositrice sta curando la sonorizzazione dei BRUSSELS LOOPS (1958) di Shirley Clarke e D.A. Pennebaker, che saranno proiettati in anteprima italiana a Venezia il 5 settembre 2017 sulle vele dell’Edipo Re, storica imbarcazione a vela e motore di Pier Paolo Pasolini e Giuseppe Zigaina.

CITY FILMS E DOCUMENTAZIONE URBANA

Ben presto i giovani artisti newyorchesi — attivi nella documentazione sociale come fotografi/filmmakers e affascinati dal cinema europeo di Vigo, Dreyer, Ruttmann, Wiene, Ejzenstejn, Vertov, Lang e Léger — cominciano a rielaborare i modelli formali europei dando avvio ad una vera e propria cinematografia americana della rappresentazione di New York. Negli anni Trenta il termine “documentario” è utilizzato da critici e autori per spiegare le recenti forme di cinema non narrativo. L’approccio a questo particolare processo di lavorazione richiede e allo stesso tempo informa la conoscenza personale dell’autore, ciò in cui crede, i suoi strumenti e la sua creatività:

«Documentary…


Un fotogramma di NAKED CITY (1948) di Jules Dassin.

SINFONIE URBANE, STRAIGHT PHOTOGRAPHY, NEW AMERICAN CINEMA

In occasione della ridistribuzione dei film di Shirley Clarke in versione restaurata e rimasterizzata, pubblichiamo in 5 puntate alcuni estratti di “Naked City: identità, indipendenza e ricerca nel cinema newyorchese”, monografia di Maria Teresa Soldani edita dai Quaderni di CinemaSud nel 2013 e ora in corso di ristampa. Per Reading Bloom l’autrice e compositrice sta curando la sonorizzazione dei BRUSSELS LOOPS (1958) di Shirley Clarke e D.A. Pennebaker, che saranno proiettati in anteprima italiana a Venezia il 5 settembre 2017 sulle vele dell’Edipo Re, storica imbarcazione a vela e motore di Pier Paolo Pasolini e Giuseppe Zigaina.

[Dall’introduzione al volume] L’ambiente urbano industrializzato e sovraffollato, caratteristico della civiltà moderna, è ancora oggi il termometro delle tensioni interne alla società: tensioni culturali, sociali ed economiche che toccano grandi temi legati alla definizione dell’identità, di un singolo individuo o di un gruppo. Gli Stati Uniti, «una nazione di estranei» come la definì Vance Packard, hanno costruito la loro giovane storia sulla ricerca e la condivisione di valori in cui la diversità di ciascun individuo potesse ricongiungersi a un’unica nazionalità, quella ‘americana’. Alla fine dell’Ottocento New York, capitale culturale e finanziaria degli Stati Uniti, diventa uno dei centri principali del…


BRIDGES–GO–ROUND 1/2 + BRUSSELS LOOPS [1958]

5 settembre 2017 | ore 22.00 | Venezia | Isola Edipo Re

Proiezione sulle vele di alcuni corti-jazz di Shirley Clarke e D.A. Pennebaker, sonorizzati dal vivo da Maria Teresa Soldani / Anteprima italiana /
Programma e distribuzione a cura di
Reading Bloom e Milestone Films


Happy to announce that NOTFILM (2015) by Ross Lipman and FILM (1965) by Samuel Beckett — restored and remastered in 4K — will be screened on Wednesday, May 24th, at Videoex Experimental Film and Video Festival in Zürich and at Apollo Undici in Rome.

Take a seat! More screenings coming soon…

www.readingbloom.com


We publish a note by archivist, restorationist and filmmaker Ross Lipman about his current project, a “performance-film-essay” on Bruce Conner’s CROSSROADS (1976) premiering on January 29th and 30th at IFFR — International Film Festival Rotterdam.
Besides NOTFILM (2015), his critically acclaimed kino-essay on Samuel Beckett’s FILM production, Reading Bloom is very honoured to collaborate with Ross Lipman on the promotion of this extraordinary artwork.

For info and booking:
www.readingbloom.com
www.corpusfluxus.org

Happy New Year?

It’s amidst dark and troubling times that I find myself proud to announce the Rotterdam International Film Festival will be hosting the unveiling of my new “performance…

Reading Bloom

film essai/y

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store