Lapo Elkann torna a far parlare di sé con un messaggio postato su Instagram in cui ringrazia i suoi seguaci e rivela di voler vivere offline dopo gli ultimi avvenimenti nella sua vita.

Dopo l’assoluzione da parte del tribunale di New York, che l’aveva citato in giudizio con l’accusa di aver finto il suo rapimento, Lapo Elkann è tornato sui social per lanciare un messaggio a tutti.

Vorrei ringraziare tutti i follower del mio account — ha scritto su Facebook il ram-pollo di casa Agnelli — coloro che mi stimano, e (perché no) anche quelli che hanno espresso opinioni diverse che meritano comunque rispetto. Tutti assieme — ha continuato Lapo — mi avete spronato a migliorare. Oggi, però, comincia una nuova fase per me — personale e professionale — e la vorrei vivere nella vita reale, “offline”, anziché in quella virtuale. Questo — ha concluso — non vuole essere un addio, semmai un arrivederci. Grazie a tutti di tutto, Lapo”.

Lo scorso novembre Lapo Elkann era stato arrestato a New York dopo aver simulato il proprio sequestro chiedendo alla famiglia Agnelli un riscatto. Arrivato nella Grande Mela in occasione del Giorno del Ringraziamento, dopo una cena con alcuni amici, Lapo Elkann aveva finito per incontrare una escort trans.

Dopo una notte di eccessi, fra cocaina e alcol, il rampollo di casa Agnelli era rimasto senza denaro e aveva così escogitato il piano di fingere il proprio rapimento per avere i soldi che gli servivano.

Qualche settimana fa il procuratore di New York aveva fatto cadere le accuse a suo carico, scagionandolo. “La decisione di oggi mi rincuora — aveva commentato Lapo Elkann — e rinforza il sentimento di fiducia che da sempre ripongo nella giustizia americana. Ho attraversato un momento difficile che mi ha però dato il tempo ed il silenzio necessari per riflettere su quanto è accaduto e soprattutto per rinforzare quello che voglio fare in futuro”.

So che voglio proseguire il lavoro che ho fatto su di me in queste settimane — aveva aggiunto Lapo — per raccogliere nuove energie e mettere una consapevolezza diversa nella mia vita e nel mio lavoro. Intendo sostenere le aziende cui ho dato vita e portare avanti i tanti progetti di collaborazione avviati con il massimo impegno”.