La leggerezza è saggezza.

Vivere la vita con leggerezza è un dono immenso. Viaggiare con troppi bagagli ci vincola, ci appesantisce, non ci permette di gioire di tutto ciò che il viaggio potrebbe donarci. Togliere i pesi dell’ego dalla nostra vita presuppone esperienza e saggezza.

Il nostro attaccamento alle cose del mondo ci vincola, ci ingabbia, ci rinchiude e non ci rende liberi di essere realmente ciò che siamo. Nella fragilità della natura umana pensiamo che accumolare il più possibile sia fonte di sicurezza. Ma è realmente così? Dipende. Dipende da cosa accumoliamo.

La legerezza è meravigliosa. Dovrebbe essere un “valore” insegnato in ogni famiglia e in tutte le scuole.

Tendiamo ad appesantire ogni nostra esperienza, rendendola un macigno più pesante di quella che è. Il dono della leggerezza è amore per la vita. È volare con la vita!

Ridere ci rende leggeri e ci aiuta a rimuovere quei dentriti emozionali che da tempo ristagnano sepolti in noi. La risata ha la capacità di detonare il tritolo della rabbia, di sciogliere l’acido del risentimento, di soffiare sulle nubi grigie della paura.

La seriosità rende le persone superficiali. Queste persone hanno frainteso il valore della serietà interiore con quello negativo della seriosità.

Le persone che sorridono e che ridono spesso sono persone dotate del profumo della leggerezza. Rivelano la loro saggezza in ogni cosa che fanno ed è per questo che raggiungono successi duraturi. Apprezzano gli altri, si meravigliano in ogni cosa. Sono come dei bambini che non smettono mai di sognare, consapevoli che tutto è un’illusione e che la leggerezza è il sigillo inequivocabile di chi procede verso nuove trasformanti illuminazioni.

Benvenuta leggerezza!

Richard Romagnoli — www.richardromagnoli.com

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.