photo by Davide Ragusa

Sei stressato quando vai in vacanza?

È una forte contraddizione: anziché godersi il meritato riposo, ci si stressa di più. Piccoli suggerimenti per non rovinarsi le vacanze.

L’Italia è un Paese meraviglioso, che dovrebbe vivere di turismo: ogni regione, città, paesino ha le sue curiosità e bellezze che vale la pena apprezzare.

Il periodo delle vacanze é il momento ideale per scoprire nuove mete da visitare o quei posti del cuore da rivedere, approfittando di questa meritata pausa per ricaricarsi dopo mesi di intensa attività.

È curioso osservare come l’atteggiamento delle persone non sia sempre in linea con ciò che stanno vivendo, anche quando sono in vacanza e dovrebbero essere maggiormente rilassate e desiderose di rallentare i ritmi frenetici della quotidianità, avviene il contrario, stressandosi di più. Alle volte pare quasi che non si veda l’ora di tornare a casa, per riprendere il normale ritmo.

Lo stress, come é comunemente inteso nella sua accezione negativa, che potremmo meglio definire distress, è il nemico numero uno del nostro benessere totale. Quando siamo stressati il nostro organismo produce maggiore quantità di cortisolo, l’ormone che ci permette di reagire prontamente ad una situazione di emergenza. Oggi viviamo come se fossimo in una costante situazione di pericolo, e questo accade paradossalmente anche quando siamo in vacanza, perché il messaggio che inviamo al nostro complesso corpo-mente-emozioni é proprio quello dello stress.

Appare fondamentale quanto sia necessario vivere al meglio il momento della vacanza: durante quella manciata di giorni che abbiamo a disposizione possiamo maggiormente prenderci cura del nostro benessere, curando le relazioni con le persone che abbiamo scelto di avere accanto nella vita, recuperando l’armonia e il rispetto con l’ambiente circostante e accendendo la curiosità di esplorare e di scoprire nuove persone, amando il tempo a nostra disposizione.

Le due parole più brevi e più antiche, sì e no, sono quelle che richiedono maggior riflessione. 
— Pitagora

E’ possibile fare tutto questo in totale semplicità, adottando alcune semplici abitudini felici. Questo permetterà di recuperare una maggior presenza con se stessi, imparando a scegliere cosa effettivamente sia utile e cosa no per il proprio benessere. Il rispetto per noi stessi é direttamente proporzionale a quello che portiamo ai nostri simili, alla natura e all’ambiente, unito ad un adeguato utilizzo di due parole: sì e no.

Andare in vacanza con la famiglia o con gli amici, significa essere consapevoli che ognuno ha le proprie esigenze ed aspettative. Anche se è piacevole trascorrere del tempo in compagnia delle persone che si è scelto di avere accanto, può accadere che non tutti abbiano i nostri stessi interessi: qualcuno potrebbe avere piacere di visitare un museo, mentre il tuo unico desiderio è quello di trascorrere tutto il pomeriggio sotto il sole in spiaggia. Non sempre siamo abituati a dire di no agli altri, forse perché al lavoro non possiamo sempre decidere come condurre il nostro tempo, o forse perché temiamo il giudizio e le reazioni di chi ci circonda.

Dire di sì alle persone con cui interagisci può non significare sempre dirlo a te stesso. Puoi cogliere l’occasione, durante la tua vacanza, di allenarti a dire di no, con gentilezza, alle attività e alle richieste che non ti interessano. Questo potrebbe esserti utile per mettere a fuoco ciò che desideri in quel particolare momento, ma anche, più in generale, nella tua vita e — chissà — potrebbe aiutarti a compiere scelte più felici, anche durante la tua quotidianità.

Per recuperare il proprio ritmo armonico è necessario imparare a discernere cosa ci fa piacere fare, da ciò che invece non rientra nel nostro campo di interesse. Non c’è nulla di male nell’avere delle preferenze ed è necessario recuperare la giusta dimensione individuale per poter apprezzare il tempo trascorso con le persone che amiamo. Che bello poter essere protagonisti di una meravigliosa vacanza.


Post a cura del Team Editoriale di Richard Romagnoli — copyright©

Richard é social: Facebook — Instagram — Twitter — Website
Scrivigli una mail: info@richardromagnoli.com

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.