Caro Paolo ti scrivo…

… tanto Scripta volant!

Bimbo maremmano all’esterno di un bar milanese fine anni 60

Ti scrivo su Medium per tre motivi.

Il primo perché due o tre anni or sono mi prendevi in giro sostenendo che ero vecchio perché scrivevo su un blog.

Il secondo motivo per chiederti scusa. Non ho atteso un nostro futuro incontro per ricevere la copia di Scripta volant che volevi regalarmi, ma lasciala da parte che mi può sempre tornare utile, ho due figli e non vorrei che un domani dovessero litigare per spartirsi la preziosa copia del tuo saggio. Come disse un copy “due is megl che one”.

Il terzo motivo è un po’ più serio. Per uno come me che era rimasto a Corrado Alvaro e alla disperazione più grave che possa impadronirsi d’una società è il dubbio che vivere rettamente sia inutile, leggere — fin da Invertising per la verità — nel tuo abbecedario una sorta di manuale che ispira alla serietà alla correttezza, al lavoro ben fatto, al rispetto dell’altro sia questo un amico o un consumatore, fa bene al cuore. Ecco, per me che ero rimasto a Corrado Alvaro, trovare nel tuo ultimo libro le parole coerenza, verità, rispetto, responsabilità tutte insieme, ha riaperto qualche orizzonte.

Quando leggo che forse è meglio creare qualcosa intorno ad un ideale piuttosto che a un’idea mi rassereno e penso un mondo che offra più dignità per tutti dove, magari, una persona per bene vale più di un furbetto.

«È come se le nuove generazioni si stessero attrezzando per un mondo più giusto e inclusivo, dove le tematiche legate all’ambiente, al sostegno dei meno fortunati e all’impatto dei consumi sugli anni a venire non siano più da relegare ai temi della responsabilità sociale d’impresa, ma debbano diventare parte integrante dei posizionamenti di marca

Basta solo questo per comprendere che, forse, Corrado Alvaro potrebbe essere superato da un comportamento virtuoso che “costringa” tutti, non solo le aziende, ad un agire più semplice, più genuino e più onesto.

Penso che il tuo abbecedario potrebbe intitolarsi anche “Manuale per le persone per bene”. E di bene un po’ te ne voglio.

… sarà tre volte Natale e festa tutto l’anno.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.