I primi capolavori dell’Opera

Dopo la prima fase sperimentale dei primi pionieri dell’Opera, come Jacopo Peri e Giulio Caccini, i primi capolavori si debbono a Claudio Monteverdi, autore dallo spiccato senso del teatro.


Claudio Monteverdi, 1640

Il suo spirito innovatore e drammatico era in perfetta sintonia con le passioni che il nuovo linguaggio musicale consentiva di rappresentare, ed emergeva in tutta la sua potenza espressiva già dalla sua prima opera, l’Orfeo.

Monteverdi, Orfeo Dir. Jordi Savall

La sua attività si svolse soprattutto nelle città di Mantova e Venezia, e le sue composizioni ebbero subito grande successo tra la nobiltà e il pubblico del suo tempo.

Diverse sue Opere ci sono pervenute complete: Orfeo, Il ritorno d’Ulisse in patria, L’incoronazione di Poppea.

Di altre sono giunte a noi solo alcuni frammenti, come Il lamento d’Arianna, dall’opera Arianna. Molte altre purtroppo sono andate perdute.

Claudio Monteverdi, Lamento di Arianna

Oltre alle Opere, Monteverdi ha lasciato una forte impronta innovativa in altri generi musicali, in particolare nel Madrigale, mentre per la scena ha composto diversi Balli, il più famoso dei quali è Il ballo delle ingrate, e azioni sceniche come Il combattimento di Tancredi e Clorinda, su testo di Torquato Tasso.

Claudio Monteverdi, Il Combattimento di Tancredi e Clorinda

Claudio Monteverdi ha segnato la prima fase di questo spettacolo e ha influenzato fortemente gli sviluppi successivi dell’Opera, dei quali parleremo nel prossimo articolo.


If you enjoyed reading this, please click “Recommend” below.
This will help to share the story with others.


One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.