Fuerteventura Canarie

Prima di partire

Benvenuto, cominciamo a conoscerci e a raccontarti la nostra idea di Vivere a Fuerteventura, o meglio il nostro progetto di Vivere e lavorare a Fuerteventura. Come ogni progetto che si rispetti, abbiamo iniziato dalle esigenze di base come Cercare casa a Fuerteventura e a comprendere meglio quello che ci era stato raccontato a proposito de Il regime economico e fiscale delle isole Canarie. Valutiamo diverse prospettive da quella di fare una esperienza di Downshifting a Fuerteventura a quella di stabilirsi Alle Canarie per lavoro e fare impresa a Fuerteventura. Per questo abbiamo raccolto Alcuni consigli per trasferirsi e lavorare alle Canarie, partendo dalla conoscenza del clima a Fuerteventura Meteo e temperature, all’ambiente naturale ed alle Spiagge di Fuerteventura, fino agli Itinerari per escursioni da programmare per iniziare a scoprire il territorio in cui intendiamo immergerci. [continua …]

A Fuerteventura, Corralejo

Ottobre, viviamo a Corralejo. Incontriamo una vivace comunità di italiani che iniziamo a raccontarvi. Decidiamo di conoscere l’isola che ci ospita e proviamo a raggiungere con l’autobus o la bicicletta ogni settimana un luogo o un villaggio diverso. Un sabato mattina nel villaggio di El Cotillo. Non siamo qui per questo, é vero, ma é difficile non sentirsi in vacanza a Fuerteventura, del resto quasi tutti gli italiani svolgono una attività in qualche modo legata al turismo, un turismo indipendente e auto organizzato, fuori dai circuiti tradizionali dei tour operators che propongono soluzioni all-inclusive. Un turismo “fai da te”. Intanto é giunto novembre, quello di Fuerteventura, che significa temperature miti e una pioggia, almeno quest’anno, che dura forse mezz’ora e, strano a dirsi, ma é una esperienza piacevole e liberatoria. E’ ormai dicembre, non si parla d’altro con amici e parenti, delle nostre (e forse delle loro) prime vacanze di natale a Fuerteventura. Un sabato a Puerto del Rosario per scoprire un mercatino di prodotti agricoli che stavamo cercando da quando siamo giunti sull’isola ed una domenica per una escursione in bicicletta lungo il percorso che gira intorno ai vulcani del nord dell’isola per poi leggere che l’isola sta scoprendo la sua vocazione come destinazione di vacanza per l’ecoturismo. Proprio quello che ci confermano amici italiani che andiamo a trovare nella loro casa rurale di Villaverde. Un pomeriggio di Dicembre, complice uno stupendo tramonto, conosciamo un aspetto meno noto del Parco Naturale delle Dune di Corralejo. Fine dicembre, per quattro giorni noleggiamo un’auto e ci dirigiamo a sud per un incontro immancabile con la immensa spiaggia di Cofete. Betancuria ci accoglie in un tranquillo tardo pomeriggio, ma è la chiesa conventuale, con accanto il primo convento francescano ad attirare la nostra attenzione. E’ giunto il momento di raccontarvi del nostro appartamento in affitto a Corralejo, qualche scatto, le prime emozioni e qualche consiglio. Fine gennaio, una domenica mattina, dal porto di Corralejo, ci imbarchiamo per una breve escursione all’isolotto di Lobos. Da quando siamo a Fuerteventura stavamo aspettando l’occasione per salire alla montagna sacra di Tindaya, l’opportunità è giunta inattesa e non ci siamo fatti trovare pronti. Uno dei luoghi più insoliti di Fuerteventura lungo la costa di Barlovento è il villaggio di Ajuy e tutto quello che gli sta intorno. Il Clima alle Canarie e la qualità della vita, ecco alcune considerazioni ora, passato l’inverno. Uscire dal sentiero tracciato a volte non è consigliabile, spesso è azzardato, sempre è un modo per fare nuove scoperte. 16 chilometri attraverso l’istmo de La Pared, che separa l’antica Maxorata dalla penisola di Jandia, ci lascia esausti, entusiasti e intenzionati a tornarci, coscienti di aver avuto una esperienza “intima con la naturalezza” di Fuerteventura. Aprile, Maggio: è il momento della tradizionale Fiera Agricola Fuerteventura FEAGA. L’abbiamo visitata. Una occasione per conoscere le proposte del mondo agricolo e rurale, dell’allevamento e del turismo ecologico offerte dall’isola. Cosa c’entriamo noi con il surf? Giusta domanda. Quasi niente, appunto: “quasi”. Kitesurf, Windsurf: è impossibile non rimanere travolti come da un’onda ed affascinati dalla filosofia di vita che accompagna il mondo del surf a Fuerteventura. Tra le oltre 250 varietà di Aloe esistenti, è l’aloe barbadensis Miller o Aloe Vera quella coltivata, prodotta e lavorata alle Canarie: a Fuerteventura, Lanzarote, Tenerife, Gran Canaria. La presenza, quasi invasiva, di articoli ad uso cosmetico, curativo ed alimentare a base di aloe nei negozi dell’isola non poteva non destare la nostra curiosità. La natura, la storia, la cultura, il patrimonio, l’osservazione scientifica, la salute, la gastronomia e lo sport rappresentano gli elementi per configurare una proposta di vacanza come fonte di esperienze da vivere nello spirito più autentico dell’ecoturismo. Abbiamo fatto una sintesi delle iniziative che l’amministrazione locale ha prodotto per promuovere e supportare l’ecoturismo a Fuerteventura. Siamo andati lontano da casa nostra ma ci siamo avvicinati al nostro passato, senza saperlo, lo abbiamo scoperto un sabato in visita all’Eco-museo La Alcogida di Tefia. E’ iniziata l’estate ormai da un paio di settimane, la festa di San Juan, il fuoco in tutte le spiagge delle Canarie con una luna quasi piena, è stato il tradizionale rito che lo ha sancito. Non vogliamo parlare di voli low cost per Fuerteventura o vacanze low-cost a Fuerteventura ma di alcune riflessioni sul costo della vita alle Canarie e sulle opportunità offerte per vivere a basso costo, sarà l’estate ;) . Abbiamo raccontato dei tanti aspetti positivi che presenta vivere a Fuerteventura, dal clima al regime fiscale, dal costo della vita ai luoghi ed alle spiagge da visitare. E’ il momento di considerare anche quei lati, comunque evidenti anche a chi viene solamente in vacanza, meno edificanti se non addirittura negativi, che possono senza dubbio essere migliorati. In attesa delle stelle cadenti, ai bordi di una piscina di un azzurro innaturale, trafitta da luci rosse per renderla una presenza ancora più aliena. La notte d’estate nuvolosa ci nega la vista e diventa il pretesto per quello di cui volevamo davvero parlare: le stelle cadenti di una notte d’agosto a Fuerteventura, appunto. Capita, a chi ha deciso di vivere a Fuerteventura, di tornare in Italia per impegni o ragioni personali, per scelta o bisogno, ed incontrare inevitabilmente, in aereo, i volti e le storie di chi raggiunge o lascia le Canarie. Tornare con la mente, durante quelle quattro ore di volo, al primo viaggio che ci ha condotto sull’isola. Tra dieci giorni è trascorso un anno da quando siamo arrivati a Fuerteventura, il primo. E’ tempo di un bilancio o forse solo il pretesto per raccontare tutto ciò su cui stiamo riflettendo da qualche tempo.

Il secondo anno alle Canarie

Una settimana di vacanza a Tenerife, dopo un anno a Fuerteventura, per iniziare a conoscere le altre isole Canarie e per scoprire, in fondo, l’unicità di Fuerteventura. Da Ottobre 2012, cioè da quando siamo sull’isola, abbiamo risposto ad innumerevoli messaggi email, forse anche ad una delle tue ;) vero? Quello che avremmo a volte voluto rispondere, e che forse abbiamo fatto implicitamente, è di provare a cambiare le domande se vogliamo davvero ottenere risposte e soluzioni nuove. Forse sarà il sole di questo fine ottobre, qualche giornata di digiuno programmato o semplicemente gli inattesi effetti collaterali della vita a Fuerteventura. L’esperienza di trasferirsi a Fuerteventura, l’abbandono delle precedenti abitudini di vita e l’adattamento alle nuove, sentire di essere “l’altro” (lo straniero) ed aver bisogno degli altri, il silenzio, quello vero, la distanza, il ritmo lento, la natura non addomesticata, possono favorire quelle riflessioni che ora condividiamo con voi, se vorrete, come dire un poco di FuerteZENtura ;)
La più bella escursione fatta sino ad ora a Fuerteventura, grazie all’iniziativa di “Fuerteventura a piè”, è l’occasione di tornare a raccontare questa isola ed il suo territorio e ricordarci che siamo qui per vivere Fuerteventura e quindi, prima di tutto, conoscerla. Dicembre, per molti ed anche per noi, l’occasione del rientro in Italia per trascorrere le festività con i parenti, ma anche per scoprire quanto siamo cambiati. Avvertenze: quanto state per leggere a questo link è una serie di opinioni personali e pertanto discutibili, a volte esprimiamo alcuni giudizi che possono essere condivisi oppure ritenuti parziali ingenui o frutto di errate interpretazioni, di cosa parliamo? scopritelo qui ;)
Se avete prenotato una settimana di vacanza a Fuerteventura e, come questo gennaio, invece che sole e spiaggia, vi siete ritrovati in albergo a dover pensare una alternativa alla giornata al mare, ecco 5 colori 5 luoghi e 5 emozioni da vivere. Parliamo del clima di Fuerteventura, non quello metereologico, e soprattutto non quello di questi giorni, un gennaio/febbraio in cui il vento, spesso dal nord e quindi freddo, è stato il vero protagonista con acquazzoni improvvisi che la terra dimostra di gradire più di noi. Il clima, non il meteo o le temperature, appunto, ma quello che si “respira”, del clima come concetto più generale di sensazioni che una esperienza di vita su quest’isola possono ispirare e che forse vi sosterrà nella vostra decisione di venire a Fuerteventura. Siamo partiti per vivere alle isole Canarie e, dopo un anno e mezzo qualcosa è successo. Non sappiamo se e quando, ma ti auguriamo possa succedere anche a te. Ecco cosa. Lo scopriamo giorno dopo giorno, Fuerteventura è un’isola da vivere e da proteggere in tutti i suoi meravigliosi aspetti in modo che tutti ne possano ancora godere, eccone solo alcuni. Una escursione al Pico de la Zarza, la montagna più alta di Fuerteventura, nella penisola di Jandia, diventa l’occasione per fare alcune considerazioni sul modo in cui noi abbiamo, spesso, affrontato le “cose”. Non ci riferiamo all’itinerario, che, da solo, concede stimoli per riflettere sulla bellezza della natura unica che ci circonda, ma su “quell’itinerario” che, a volte, possiamo percorrere dentro noi stessi.
Da qualche tempo non aggiorniamo il nostro racconto, eppure di cose ne sono successe… ci siamo chiesti a cosa servisse questo sito e se non fosse il caso di scrivere la parola fine. Qualche idea ora la abbiamo, era semplice, bastava accorgersi. Questo sito è una storia, è la nostra storia, il racconto di quello che ci è successo da quando abbiamo deciso di venire a vivere alle Canarie. Due “cose” ci hanno aiutato a capirlo: la nascita, tra un paio di settimane della nostra nipotina e la visita di una coppia di carissimi amici, finalmente in vacanza a Fuerteventura.

La nostra esperienza è andata meglio del previsto, se vogliamo trarre delle conclusioni. Siamo qui, abbiamo intenzione di restarci, magari, dopo aver visitato altre isole, stabilirci in modo definitivo. Non abbiamo in programma di tornare, del resto tutta la nostra famiglia, che nel frattempo si è “allargata”, è con noi. Queste pagine si sono svuotate di ragioni e motivazioni, del resto hanno svolto in maniera eccellente quello per cui erano state pensate e realizzate. La nostra storia certo non finisce qui, anzi presto ne inizierà un’altra, ma questo capitolo è concluso. Arrivederci alle Canarie! [visitate la pagina dei saluti e lasciate il vostro commento se volete]

Informazioni utili

Il lavoro, l’affitto di un appartamento o l’acquisto di una casa, la scuola per i figli, sono le domande che ogni giorno ci vengono rivolte attraverso il sito o la pagina Facebook. Abbiamo provato a raccogliere le risposte che offriamo ed alcuni consigli, noi stessi stiamo imparando qualcosa ogni giorno, su lavoro casa e scuola a Fuerteventura.

Come molti italiani che vivono a Fuerteventura o che intendono trasferirsi e magari investire alle Canarie, ci siamo informati su come acquistare casa a Fuerteventura. Abbiamo conosciuto alcuni responsabili di agenzie immobiliari a Fuerteventura e rivolto loro alcune domande.

Con i suoi circa 350 km di costa, Fuerteventura offre un’infinità di occasioni per la pratica degli sport acquatici. L’isola è una destinazione sognata da migliaia di appassionati di windsurf, surf e kite, che arrivano qui in massa ed in ogni periodo dell’anno per approfittare delle invidiabili condizioni meteo-marine e della fantastica temperatura. Un amico ci racconta i migliori spot dell’isola.

Se vuoi darci una mano …

Sostieni Fuerteventura Canarie

Ecco un modo per sostenere il nostro sito, acquistando direttamente alcuni prodotti che consigliamo e che riteniamo possano essere utili per le vostre vacanze a Fuerteventura o per il vostro soggiorno nelle isole Canarie.

Fai shopping ;)

Il nostro e-book

La parola di quest’anno è stata …”ragazzi”. L’hanno usata le nostre figlie per sottolineare la nostra scelta “fuori tempo massimo”, opportunità che in realtà sarebbe dovuta essere loro, i veri ragazzi. La usano i nostri “compagni di viaggio”, più giovani di noi, per risolvere l’imbarazzo di trovare un modo per salutarci. La usano persone di cui non conosciamo la reale età, che davvero non importa, per farci credere ancora alle possibilità che abbiamo davanti. Certo è sempre strano a quasi 50 anni sentirsi dire “ragazzi”.

Abbiamo raccolto nel nostro E-book “Ragazzi,” gli articoli scritti durante il nostro primo anno a Fuerteventura, acquistandolo al costo di 2 Euro ci aiuterete a trovare nuovi stimoli per continuare a raccontarvi la vita a Fuerteventura e alle isole Canarie. Grazie per il vostro sostegno!

Acquista ora il nostro e-book al costo di 2€!

[* dopo aver effettuato il pagamento se non vieni indirizzato automaticamente da Paypal, fai click sul link che ti viene proposto per raggiungere la pagina dove scaricare subito l’ebook.]

… se preferisci pagalo con un TWEET

Condividilo e scarica l’anteprima GRATIS!

“Me parece buenisimo!” e-book

Ogni volta che mi distraggo, mentre cucino e, inevitabilmente sento odore di bruciato, non posso fare a meno di pensare: Mia madre sarebbe fiera di me…
Come inizio per un libro di cucina non è male eh? Il segretone sta nel vuotare il cibo in una nuova pentola senza riportare quello attaccato sul fondo. No, così non leggerete mai questo libro.

Dopo aver lasciato l’Italia per Fuerteventura, ecco farsi spazio a nuovi amici, altre culture, strani personaggi ricchi di storie, cibi, profumi e sapori. Così mentre le chiacchiere si arricchivano di ricette, i racconti alimentavano, in tutti i sensi. Ho annotato le ricette di alcuni piatti canari e di altri cibi assaggiati qui e là che hanno dato origine ad un diario gastronomico illustrato.

Acquista ora il nostro e-book al costo di 3€!

[* dopo aver effettuato il pagamento se non vieni indirizzato automaticamente da Paypal, fai click sul link che ti viene proposto per raggiungere la pagina dove scaricare subito l’ebook.]


Originally published at www.fuerteventura-canarie.com.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.