Hanno già scritto un libro di Quantum Marketing? No? Peccato, lo vorrei comprare.

Come cambia il marketing nell’era della personalizzazione data driven? I consumatori sono ancora una grande massa o sono atomi che rispondono a regole diverse?


«Le persone non si limitano a comprare, ma amano» dice John Maeda.

Questo spiegherebbe perchè si può togliere il 10% di complessità da un prodotto e venderlo al 10% in più. Potrebbe sembrare comunque un approccio razionale -la semplicità ha una curva del valore più ripida di quella della funzionalità marginale- però forse il cervello non lavora come una tabella di Excel.

Ora faccio una provocazione che è tirata, lo so, però ci provo: la nostra testa di consumatori non risponde alle regole della meccanica deterministica del funnel, ma ad un set di regole più «strano» e più difficile da codificare in una formula.

Il punto è questo: come la fisica classica descrive la realtà a livello macroscopico con formule e leggi abbastanza semplici, cosi il marketing dell’era pre-data-driven poteva guardare al mercato come ad una massa dal comportamento sostanzialmente decifrabile. E prevedibile.

Ora che il brand interagisce con ogni consumatore come singolo atomo e desidera misurare (e prevedere) attributi come emozione, propensione e convinzioni, le regole buone per la massa non valgono più.

Cosa vuol dire tutto questo? Sostanzialmente 3 cose.

  1. Le particelle-consumatori non si possono descrivere con KPI lineari e continui, con numerini che vanno da 0 a 100, ma con stati discreti descritti da probabilità;
  2. La natura delle particelle-consumatori è duale, razionale e irrazionale, e non è possibile descrivere il loro comportamento utilizzando solo una delle due nature, servono entrambe;
  3. Non è possibile conoscere contemporaneamente la posizione e la velocità della particella-consumatore e non è possibile conoscerne lo stato senza osservarlo (osservare significa interagire, anche con un messaggio WhatsApp o con un post Instagram); [edit: ah, dimenticavo: se per osservare la particella-consumatore bisogna interagire, la stessa osservazione modifica lo stato]

Le conseguenze? Chiederò a qualche amico davvero bravo cosa ne pensa. Ci sentiamo presto.

-Riccardo


Riccardo Zanardelli è Digital Business Development Manager di Beretta. Laureato in Ingegneria, ha conseguito un Master in Business Administration ed ha svolto gran parte del suo percorso professionale in ambito marketing B2B e B2C. Dal 2016, si occupa di business transformation e servizi a forte componente digitale. Appassionato di economia digitale ed informational privacy, nel 2018 ha pubblicato “OPAL e Contratto-Codice: un modello di data ownership consapevole e performante per cittadino e business”. E’ membro dell’advisory board di “Quota 8000 – Service Innovation Hub” presso TEH Ambrosetti. Dal 2000 si occupa di digital art come ricercatore indipendente. Alcuni dei suoi progetti sono stati acquisiti dalla collezione permanente ArtBase di Rhizome.org – NY (2002) ed esposti alla Biennale d’Arte Contemporanea di Montreal (2004), oltre che da The Trampery e Barbican in occasione di Interface Monthly (Londra, 2016). Nel 2015, ha realizzato FAC3, uno dei primi artwork al mondo a sperimentare l’uso d’intelligenza artificiale. E’ sposato e padre di due figli.

Welcome to a place where words matter. On Medium, smart voices and original ideas take center stage - with no ads in sight. Watch
Follow all the topics you care about, and we’ll deliver the best stories for you to your homepage and inbox. Explore
Get unlimited access to the best stories on Medium — and support writers while you’re at it. Just $5/month. Upgrade