La sintesi è una bella cosa, ma non l’ha ordinata il dottore (almeno non sempre). Hai la soglia di attenzione bassa? 🥦* tuoi!

Riccardo Zanardelli
Sep 9, 2018 · 3 min read

*ho usato il broccolo perché l’emoji del cavolo non c’è. Va bene lo stesso?


Ho frequentato l’Università in un periodo dove se la materia non era difficile lunga e pallosa allora non valeva niente. L’ingegnere mega-bionico indirizzo quantico nucleare sembrava destinato a dominare l’universo, ma come qualcuno diceva “nella vita reale non è detto per forza che vada a finire così”.

Poi è arrivata l’Internet. E dopo qualche anno si è cominciato a spiegare che il video che dura più di 30 secondi non lo guarda nessuno. Davvero?

Vero. La tesi è più lunga di una pagina scritta grande? Che noiaaaa… e mettici almeno due meme, dai! Raffaella Parvolo non ha fatto Like?Allora è fail (no, non si dice più flop). Niente kudos.

Vabbè, è vero, i tempi cambiano (meno male). Però c’è un però.

A non tenere l’attenzione per più di 30 secondi non sono solo i “medioti”, ovvero quella macro-categoria alla quale non apparteniamo perché non esiste ma che ci piace pensare domini l’Internet. I propugnatori dello stile “fast & glorious” sempre e comunque sono dappertutto, anche nelle fasce più insospettabili.

Io però non so, non riesco a capire per che squadra tifare.

Eterna gloria a Lercio, che in 10 parole riesce a fare la sintesi di una cosa che ci metteresti 6 mesi a raccontarla. Eterna gloria a Satoshi, che si è dovuto impegnare per spiegare Bitcoin con un po’ di pagine scritte piccole piccole (a proposto Satoshi: ma non potevi fare un video?).

Però (eccolo qua il però) se sei sul lettino di sala operatoria e stanno per farti un trapianto di cuore, te lo immagini il chirurgo che ti guarda e dice «Io? e chi c’aveva il tempo di leggere tutti quei libri??? E la pratica poi, che noia! Mi sono visto due bei tutorial e via, stai tranquillo che vai sul burro!». Capito?

Ecco. Un’idea me la sono fatta: non esiste una regola.

Dipende da cosa devi dire e a chi devi dirlo. Studiare serve ancora. Se devi spiegare una cosa complicata, magari c’hai lavorato degli anni, allora non bastano un meme, 2 righe e 3 slide. Basta con questa tirannide della bassa soglia di attenzione!

Abbiamo tutti bisogno di andare veloci e poi non è vero che le cose difficili sono sempre importanti e quelle semplici delle cagate… però basta con le regole da “clicca qui, non te ne pentirai”!

A volte di quel click ti penti, devi impegnarti duro per leggere tutto fino in fondo e capirlo bene, però poi hai imparato qualcosa.

E come diceva Porter in un suo famoso post molto venduto in libreria: se vuoi differenziarti devi avere qualcosa di diverso. Ecco: sei riuscito ad arrivare in fondo a quell’articolo lunghissimo? Fantastico, hai imparato una cosa che gli altri non avevano voglia… si sono stancati prima.

Quando poi incontri una persona che sa scrivere monografie da 200 pagine e te le sa spiegare in 100 parole mentre mangia un pezzo di Toblerone, beh allora hai davanti uno bravo.

Assumilo subito.

    Riccardo Zanardelli

    Written by

    Digital Platforms @ Beretta | Engineering | New Media Arts

    Welcome to a place where words matter. On Medium, smart voices and original ideas take center stage - with no ads in sight. Watch
    Follow all the topics you care about, and we’ll deliver the best stories for you to your homepage and inbox. Explore
    Get unlimited access to the best stories on Medium — and support writers while you’re at it. Just $5/month. Upgrade