Mondorovescio

Scena 1 — Est. — sentiero — tardo pomeriggio

Un corteo di gente avanza lentamente lungo un sentiero. Sullo sfondo si intravedono i contorni di un casale. Il corteo è composto di quattro uomini che sorreggono una sorta di baldacchino che ripara dal sole una nobildonna. Due donne la seguono, una le sorregge la gonna e l’altra porta una bottiglia e un bicchiere. In fondo al corteo due guardie armate. La nobildonna si fa aria con un ventaglio di legno leggero, gira leggermente la testa e indica agli altri di proseguire. Il corteo si allontana e una delle due donne gli passa accanto sfiorandogli la spalla, fermandosi avanti a lei senza voltarsi. Lei le sussurra

NOBILDONNA

Caterina, aspetta

Scena 2 — Est. — sentiero — tardo pomeriggio

La nobildonna riprende a camminare lentamente e quando gli altri sono scomparsi all’orizzonte, allunga la sua mano verso Caterina. Le due donne si guardano e Caterina le bacia le dita. Qualcuno non visto osserva la nobildonna mentre accarezza velocemente il corpo di Caterina e altrettanto velocemente si ricompone e prosegue a camminare. Lo sguardo li segue scomparire all’orizzonte.

Scena 3 — Est.- Piazza di un paese — giorno

Un vecchio frate, rugoso e spigoloso, predica con enfasi e rabbia, leggendo dalle pagine di un libro nero rivolto a una folla di persone. Accanto a lui siedono la nobildonna e tutta la gerarchia ecclesiastica e nobiliare. Durante la predica indica la gente spesso la folla e incrocia per un momento gli occhi di Caterina e alzando il tono della voce:

FRATE

Brucerete tra le fiamme dell’inferno.

Scena 4 — est. — sentiero — giorno

Il frate, nel suo abito scuro, cammina lentamente con un libro nero tra le mani. È accompagnato da due chierici che sorreggono un rudimentale ombrello, per ripararlo dal sole, e da quattro guardie armate. Si sentono voci e rumori in lontananza (off).

Scena 5 — Int. — stanza del casale — giorno

La nobildonna osserva Caterina da una finestra Caterina mentre attraversa l’aia con un mazzo di fiori rossi in mano. La segue con lo sguardo fino a quando sparisce dietro un angolo. Con passo svelto esce dalla stanza e la rincorre. Le persone che si trovano a passare si inchinano per salutarla e lei procede senza guardarli.

Scena 6 — est. — giardino — giorno

La nobildonna e Caterina sono sedute una di fronte all’altra e osservano i fiori rossi tutt’intorno. Caterina prende le mani della signora e le bacia, lei ha un trasalimento e cade all’indietro ridendo. Il suo vestito nero si sporca con la terra e lei non fa nulla per pulirlo. Caterina offre alla nobildonna una bevanda da una ciotola, lei beve, chiude gli occhi con la testa rivolta all’indietro. Caterina scioglie i suoi capelli e poi quelli della nobildonna. Rimangono sedute ad accarezzarsi con dolcezza.

Scena 7 — est. — giardino — giorno

Il Frate osserva la scena da lontano rimanendo rigido e immobile. La nobildonna si accorge della sua presenza, si alza e va via velocemente; mentre si allontana, si gira a guardare Caterina.

Scena 8 — est. — casale — giorno

La nobildonna rientra furtivamente da una porta secondaria rimettendosi a posto i capelli e ricomponendosi il vestito. Arriva una serva che spazzola il vestito e guarda la sua signora negli occhi e gli fa notare che ha i bottoni aperti sul seno. Ludovica si lascia abbottonare con cura il vestito.

Scena 9 — int. — casale — giorno

Fra Bartolomeo è seduto con i due chierici ai lati e osserva con aria cupa l’ingresso della nobildonna. Fa un cenno ai chierici che escono dalla stanza. La nobildonna gli arriva davanti, fa un inchino e gli bacia la mano. Il frate rimane impassibile con gli occhi puntati su di lei.

FRATE

Cosa pensate di fare.

La nobildonna fa due passi indietro.

LA NOBILDONNA

No, no

FRATE

Ho visto. È segnata

LA NOBILDONNA

Non potete, non ancora

Il frate la guarda con durezza

FRATE

Sta con il demonio

LA NOBILDONNA
lei…

FRATE

Ho visto

La nobildonna scuote la testa in silenzio

FRATE

Fossi in voi, non ci penserei

LA NOBILDONNA (piangendo, quasi sottovoce)

Morirà di paura

FRATE

Se muore, significa che è rimasto un po’ di Dio nella sua anima

Il frate si allontana, si volta ancora

FRATE

È lei che fa crescere quei fiori così mutevoli e variegati?

La nobildonna annuisce.

Prima di uscire poggia sul tavolo il suo libro nero e con un dito ci preme sopra senza voltarsi.

Scena 10 — int. — casale — notte

La nobildonna nella sua camera, in piedi, con un velo leggero sulle spalle, legge ad alta voce alcuni passi dal libro; afferra un bastone e comincia a picchiarsi sulle gambe nude urlando dal dolore fino a quando comincia a uscire il sangue. Si mette in ginocchio e prega tutta la notte. Nemmeno una lacrima esce dai suoi occhi.

Scena 11 — est. — casale — giorno

Le guardie armate entrano a forza nel casale, catturano Caterina e la trascinano via mentre lei urla. La nobildonna osserva la scena dalla finestra mentre alcuni chierici parlottano con il capo delle guardie che ordina agli altri uomini di fare irruzione in una casupola. Escono subito dopo trascinando una vecchia per i capelli.

Scena 12 — int. — stanza tribunale — giorno

Dietro un tavolo lungo e nero siedono 7 prelati dell’Inquisizione e davanti a loro, in piedi, Caterina con le mani legate dietro la schiena. Barcolla e spesso perde l’equilibrio, una guardia la sostiene a distanza con un bastone.

GIUDICE

Cosa cercavi?

Caterina non risponde

GIUDICE (con tono severo)

Cosa cercavi??

Caterina non risponde

Il giudice fa un cenno alla guardia che la colpisce violentemente facendola svenire. Un tonfo improvviso richiama l’attenzione dei giudici. Nel fondo della stanza, nella parte buia la nobildonna è a terra con delle persone che cercano di rianimarla.

Scena 13 — est. — casale giardino — giorno

Il frate, con l’aiuto di due gendarmi, distruggono il giardino di Caterina e benedice la terra piantando una croce nel mezzo.

Scena 14 — int. — stanza tribunale — giorno

Davanti all’Inquisizione siede la nobildonna con il Frate in piedi al suo fianco. Al fondo della stanza nella penombra si intravede la figura di Caterina legata e imbavagliata.

GIUDICE

Signora, come faceva a convincervi

Ludovica guarda il frate e abbassa la testa

LUDOVICA

Gli occhi…incantava

Mentre finisce la frase si accascia a terra

FRATE (con enfasi e disprezzo)

Avete visto come la tiene in pugno?

FRATE

Bruciatele

Scena 15 — est. — casale — giorno

La nobildonna siede da sola circondata da guardie che gli passano il cibo dalle mani della servitù e ogni volta che si avvicinano troppo, li colpisce con un piccolo bastone. È vestita di nero con una veletta sul viso che scantona per mangiare. In realtà, assaggia qualche piccola porzione di cibo, il resto la lascia cadere a terra.

Scena 16 — est. — piazza di un paese — giorno e notte

Un cumulo di legna è posto al centro della piazza. Lentamente cominciano ad arrivare le persone che in silenzio si sistemano intorno. Viene acceso un fuoco e le persone cominciano ad urlare i nomi delle streghe che stanno per essere giustiziate. Le condannate hanno le mani legate dietro la schiena, una corda tiene uniti i piedi e un bavaglio chiude la bocca. Avanzano lentamente ondeggiando e tremano. Alcuni chierici, seduti, osservano la “funzione” e controllano da una posizione rialzata. Prima del rogo vero ne è inscenato uno simbolico con un fantoccio tra le urla di approvazione della folla e le contorsioni delle accusate.

Scena 17 — est. — aia del casale — giorno e poi notte

Nella masseria è imbandita una tavola e alcune persone sono sedute e altre arrivano. La nobildonna in nero e i capelli nascosti da un fazzoletto fa il suo ingresso procedendo con passo lento e cadenzato. Si siede a capo tavola. Nello stesso istante arriva il frate dalla parte opposta e guarda in faccia la signora. Lei abbassa la testa.

FRATE

Siamo liberi ora

La nobildonna ha gli occhi fissi, altrove.

Gli invitati rimangono immobili a guardare la signora, aspettando una sua parola per iniziare il banchetto.

Scena 18 — est. — piazza di un paese — notte

Le fiamme stanno consumando il corpo di Caterina e un urlo atroce esce dalla sua bocca.

Scena 19 — est. — aia del CASALE — notte

L’urlo arriva (off) alle orecchie della nobildonna che si alza di scatto rovesciando piatti e bicchieri.Inizia a urlare strappandosi i capelli e i vestiti. Gli invitati si allontanano spaventati.

Scena 20 — est. — aia della masseria — giorno

Due guardie trascinano la nobildonna, legata e imbavagliata con le mani dietro la schiena. Il frate osserva la scena dall’alto della masseria affacciato a una finestra. La faccia del frate lentamente assume uno sguardo di terrore. Il giardino di Caterina con la croce da lui apposta è ora sommersa dai fiori rossi.

Show your support

Clapping shows how much you appreciated emidio sciannella’s story.