Lottare per i propri sogni

Questa mattina sveglia alle quattro, da qualche giorno volevo concretizzare questa intenzione, è arrivato il momento.

Mi sono preso il tempo di concedere al caffè di risvegliarmi un po’, quei minuti necessari per rispondere ad almeno due facili domande - chi sono? - da dove vengo? - ed ero pronto davanti al mio block notes, con i miei pennarelli colorati e l’immancabile tisana alla mela verde.

Perchè non davanti al pc?

Ti dice niente - aggiornamento Windows? - ecco, può essere eterno, come la morte.

Il foglio bianco davanti, mille idee da riordinare, un colore, con cui definire la keyword di partenza.

C’è una rivoluzione, un terremoto "controllato", dentro di me, l’esito non è scontato, certezze non ce ne sono, ma ho resistito e lavorato sotto traccia troppo a lungo, e non solo io, anche chi si trova sulla mia stessa barca non ce la fa più.

È ora di far risalire l’ancora della paura e studiare nel dettaglio ogni mossa, per poi agire con una strategia definita, ma non definitiva.

Sono consapevole delle difficoltà di questo viaggio, ancora alle prese con l’allestimento del campo base, eppure respiro l’aria della vetta, perché è là che il pensiero si focalizza.

Il quadro generale è più definito, so dove voglio andare e di questo sono grato a molte persone, che non cito, per non disturbare, ma se leggeranno questo parole, sapranno di esserne i destinatari.

Lotto per il mio progetto in ogni minuto libero, anche se questa vita, di lasciarmi andare, non ne vuol sapere, anche se le ho già spiegato che per me è una storia finita, c’è solo il tempo per i titoli di coda.

La paura paralizza, ma la sofferenza la vince sempre.

Ho imparato che la determinazione può nascere anche dal dolore, è una strada più difficile, in cui le ginocchia sembrano quelle di un pupazzo consunto, sono troppo "sciolte" per muovere subito passi sicuri, ma se non molli mai, tutto il tuo sforzo sfocia in passione e un round alla volta, sei in piedi al suono della campana.

Se posso farcela io, chiunque può riuscirci, non esiste il super-uomo, esiste l’uomo, che non desiste, esiste l’uomo, che riesce a vedere oltre la coltre del fumo di una vita in fiamme e lotta, con tutto se stesso, per portare in salvo i suoi sogni!.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.