Idolus edulis

dalla raccolta ‘incubetti’© di Simone Baroni

Corte: L’imputato si alzi. Il Magistero incaricato legga l’accusa.
- L’imputato è accusato di aver creato un idolo a forma di krapfen e di averlo mangiato. La corte si chiederà cosa sia un “krapfen”. A parte il fatto che tra gli ingredienti del suddetto ci sono tracce di glucosio, ora vietato dalla guardia psico-motoria, l’elemento risulta oltremodo osceno per il suo contenuto di “crema pasticcera”. -

Corte: sentiamo il parere del tecnico per le indagini psico-motorie. Ci sa dire qualcosa di questo krapfen?
- Quello che il Magistero ha dichiarato risulta esatto, dai nostri database risulta anche che l’elemento osceno veniva ingerito. La presenza di glucosio e saccarosio è certa. Per quanto riguarda la “crema pasticcera” non sono disponibili molti dati. Sembra che fosse un composto organico ricavato da una sorta di escremento di un volatile domestico allevato nell’antichit‡. In questo singolo composto la percentuale di glucosio era tale da indurre le menti con autocontrollo inferiore al valore 3 di Van Trastull a compiere atti di appropriazione indebita degli elementi in oggetto e atti nutritivi ripetuti fuori dalle apposite nicchie spazio-tempo.

Corte: il magistero prosegua con il dossier.
- Purtroppo questo è solo il principio dell’accusa. L’imputato ha senzientemente creato un “idolo” a forma di krapfen. Questo è sicuramente reato di competenza della guardia psico-motoria. Ma c’è dell’altro. Ricordo alla corte che gli idoli sono vietati dal nostro ordine magno.

Corte: Questo non è sfuggito alla nostra attenzione. Però le ricordo che stiamo parlando di “idoli”. Non mi dilungo in requisitorie, sarà il nostro consulente in Usanze Antiche ad istruire la seduta sulle implicazioni dell’incidente. Ora ascoltiamo la difesa.
- chiaro che il nostro imputato si è ritrovato in circostanze che sono degenerate. Il fatto è nato dall’Epurazione AntiPunti. Il nostro uomo lavora all’ “archivio stampa del distretto 1727,2 bis 25° parallelo interno 5 prima porta a destra e attenti al gatto che ha la gotta”, quando nell’ordinario espletamento delle sue mansioni si è imbattuto in una citazione del decreto dell’Epurazione AntiPunti. Ha indagato e ha scoperto il fenomeno della religione, che anche se non più praticata aveva lasciato tracce nei Punti e negli Anti. Da qui è nato l’interesse per quegli elementi antichi, idoli e cosÏ via, fino al progetto di fabbricarne uno … e poi i fatti li conosciamo. Insomma signori della corte vogliamo condannare quest’uomo per essere venuto a conoscenza ed aver riesumato usanze desuete?

Corte: l’accusa ha chiesto la parola, sentiamo.
- evidente il tentativo di minimizzare la gravità dei fatti. La ‘curiosità’ non è forse protocollata come S.E.P./xOM ovvero “Stato Emotivo Pericoloso per la Sicurezza dell’Ordine Magno” oltre la soglia dei 3 psico-gaudi da almeno tre meo-sparo-periodi? Non ho altro per ora. -

Corte: l’accusa dice il vero, già questo fatto basterebbe come capo d’imputazione, ma sentiamo cosa dice ancora la difesa.
- Vorrei rammentare che un’indagine svolta da un Impiegato dell’Ordine contempla in certa misura l’assunzione di sostanze protocollate dal S.E.P./xOM e in base a tale fatto qualsiasi istruttoria su percentuali residue di tali ‘emozioni’ da parte della Guardia psico-motoria deve essere autorizzata dal Magistero per il Controllo dei Rifiuti Emozionali. Ricordo inoltre che in casi precedenti tale permesso sia stato bloccato dall’Assemblea Permanente sulle Politiche Poliziesche e Affettati Misti. I tutelandi dichiararono inapplicabile la richiesta di istruttoria in base al colore dell’inchiostro non protocollare adoperato dalla commissione del Magistero. Questo inchiostro a tutt’oggi non risulta fuori commercio! Ergo, qualsiasi richiesta che pervenisse entro i prossimi 24 mesi — tempo necessario a smaltire le scorte nei magazzini ministeriali — sarebbe bocciata a priori!

Corte: le sue osservazioni mi sembrano pertinenti come un piatto di brodo caldo in una serata piovosa, dove il brodo caldo può assumere valori di calore compreso tra i 78 e i 145 gradi Perkele e la serata piovosa sia collocata in novembre/dicembre previa comunicazione … biiiiiiiiiiiip … biiiiiiiiiiiip

Usciere: perdonate il disagio, occorre cambiare le batterie alla corte. Nel frattempo potete accomodarvi nella sala sponsor per l’accreditamento dei benefit.

Show your support

Clapping shows how much you appreciated Simone Baroni’s story.