Indagine

dalla raccolta ‘incubetti’© di Simone Baroni

In seguito all’insperato incontro con una civiltà extraterrestre che assomiglia troppo a quella terrestre un’equipe internazionale di scienziati si prepara a condurre un’indagine senza precedenti storici. Tre rappresentanti dell’equipe si incontrano in riunione per discutere le direttive dell’operazione. Sono il dottor Vinthrat Teng, il professor Misur Ino e l’astrofisico Intil Nual.
Dott. Teng: Dai rapporti dei nostri avamposti spaziali, risulta che i nostri ‘alleati’ per i quali stiamo stoccando rifiuti nei nostri deserti hanno dei tratti fisici a dir poco famigliari. Una serie di concomitanze mi rendono sospettoso: tendenza al sovrappeso, posizioni politiche ambigue, spiccate abilit‡ diplomatiche … non saranno mica discendenti di eventuali superstiti dell’operazione EC-27?
Prof. Ino: Si riferisce forse all’ “Epurazione Commendatori n. 27” che sfuggì al controllo delle nostre apparecchiature circa 50 anni fa. Non è da escludere qualsiasi epilogo, ma una colonia di discendenti … mi spiega come avrebbero fatto? Si trattava pur sempre di commendatori, abili solo a parole in qualsiasi cosa, figuriamoci nel procreare!
Astrofisico Nual: Non dimenticate cari colleghi che proprio perchÈ si trattava di commendatori dovremmo essere cauti. Non avete pensato che siano arrivati a pagare qualcuno nello spazio per fondare una colonia su cui avere completo controllo e potere? Certo resta da vedere come possano aver fatto … però credo sia opportuno muoversi con tutte le precauzioni che una tale situazione richiede.
Prof. Ino: Intanto abbiamo un vantaggio su di loro … Ho udito lamentarsi un agente spaziale presente all’incontro con questi ‘alieni’.
Dott. Teng: Sì, e di cosa si lamentava?
Prof. Ino: Pare che uno dei comm… ehm, ‘alieni’, sputacchiasse parecchio mentre parlava, raggiungendo regolarmente con i suoi umori lo scafandro dell’agente. Ho fatto due più due …
Astrofisico Nual: Sia più esplicito collega, qui c’è un universo da immaginare!
Prof. Ino: Ecco, sapendo della scarsa igiene degli uomini nello spazio, ho inviato uno dei miei studenti a farsi consegnare il casco dell’agente. L’obiettivo è quello di esaminare il DNA o qualsiasi cosa abbiano come codice genetico quegli alieni.
Dott. Teng: Risultati?
Prof. Ino: Ho qui il casco, se andiamo in laboratorio adesso potremo vedere gli esiti in tempo reale. Con i dati che ne ricaveremo saremo in grado di indicare alla nostra controparte politica quale pensiamo essere la strategia migliore per affrontare il caso.

In laboratorio
Dott. Teng: Ma da quanto tempo non lavavano quel benedetto casco? Ho trovato delle sovrapposizioni di leccate di cane … scusate … potrei farvi lo storico di cosa mangia il cane dell’agente durante tutto il periodo dell’anno, senza parlare della pessima abitudine che ha di inghiottire i propri escrementi!
Astrofisico Nual: Su dottore, sia meno dispersivo, ci interessano altre informazioni!
Prof. Ino: E chi ci dice che quelle che sembrano leccate di cane non siano gli effetti dell’impropria doccia di saliva a cui è stato sottoposto l’agente?
Dott. Teng: Semplice, la quantità. Dopo tanti sputacchi qualsiasi essere umano rimarrebbe disidratato! Senza contare una possibile reazione aggressiva dell’agente che avrebbe potuto disintegrarlo … no, solo da un cane si possono accettare una quantit‡ tale di leccate. Ma, ecco altre tracce … sembra urina!
Astrofisico Nual: E’ sicuro che i reagenti che sta utilizzando siano quelli giusti? Come è possibile trovare urina su di un casco spaziale!
Prof. Ino: Non si meravigli dott. Nual, nel dossier dell’agente abbiamo un’istantanea da satellite che riprende il nostro uomo che fa pipì con il casco appoggiato in terra. Le conseguenze le possiamo immaginare …
Dott. Teng: Evidentemente l’ha anche dimenticato il suo casco … risulta percorso da una coppia di lumache che l’hanno attraversato come una montagna, sapevo che fossero lente … ma anche stupide, no.
Astrofisico Nual: Che c’entra adesso la stupidità delle lumache?
Dott. Teng: Non mi dica che non sa che l’urina uccide le lumache! Ha mai provato ad urinare sopra una lumaca? Le assicuro che è peggio del sale per loro, e le dico anche che queste due lumache sono morte poco dopo la traversata. Ci sono tracce degli enzimi tipici che rilasciano le lumache durante un collasso mortale.
Prof. Ino: Insomma degli sputi ancor nessuna traccia?
Dott. Teng: Mi dispiace deludervi, colleghi, ma non si trova altro, a parte un bacio di una ragazza dell’est sulla visiera.
Astrofisico Nual: Questa poi me la deve spiegare! Con quali sostanze sta lavorando per capire che si tratta di una ragazza dell’est, insomma è vero che non sono un chimico …

Dott. Teng: E’ semplice, l’agente Vatammazza è alto un metro e ottantacinque, il bacio è stato dato da labbra con rossetto commerciale sopra alla visiera, ovvero da una persona alta più di 1 e novanta con il rossetto: la nostra ragazza dell’est.
Prof. Ino: Oppure un viados brasiliano, vabbé non ci resta che telefonare a Vatammazza per chiedere spiegazioni.
Astrofisico Nual: Perché deve dimostrare che non era in servizio durante il bacio con la ragazza dell’est?
Prof. Ino: Ma no! Devo chiedergli di essere più chiaro sulle circostanze degli sputacchi. Eppoi il range del viraggio cromatico subìto dal rossetto ci direbbe in maniera inequivocabile la frequenza della luce nel momento del bacio con deduzioni pressoché infallibili sull’ambiente, l’orario, la marca del rossetto, la cena della ragazza, il suo numero di scarpe, eventuali problemi di salute, data dell’antitetanica e prossimo richiamo, sieropositività eventuale e altre cosette.
Astrofisico Nual: Eppoi dicono che noi astronomi ci occupiamo di cose lontane dalla nostra realtà …

Show your support

Clapping shows how much you appreciated Simone Baroni’s story.