Il violoncello perchè…

Non tutti conoscono bene il violoncello, infatti capita spesso che venga scambiato per una viola o per un contrabbasso! Pensate che una suora (quando ero solito accompagnare il coro della chiesa la domenica mattina) un giorno mi si è avvicinata e tutta pimpante ha esclamato:<<Ma che bello! Un’arpa!>>.

Evidentemente questa nostra Sorella non aveva le idee chiare, anzi, non le aveva affatto! Lo stesso anno, in un articolo del giornalino della parrocchia si parlava addirittura di “viola di gamba”. Insomma… l’ignoranza musicale nel mondo ecclesiastico pare diffusa e radicata; testimonianza di ciò sono anche le -musicalmente orribili- canzoni “pop” che vengono cantate a squarciagola, senza un minimo di educazione vocale, durante le sante messe… ma non è questo ciò di cui vogliamo parlare.

Noi siamo dei violoncellisti che hanno deciso di provare ad uscire dagli schemi e di suonare ciò che con il violoncello non era mai stato suonato prima. Non siamo gli unici, infatti una nostra grande fonte di ispirazione sono i 2CELLOS e gli Apocalyptica (grandissimi violoncellisti che eseguono rispettivamente pop/rock e metal).

La nostra storia incomincia intorno al 2013, quando parallelamente alla nascita di una profonda amicizia, abbiamo deciso di incontrarci, provare assieme e suonare “la musica che ci piace”. Nulla da togliere alla musica classica (che resta la nostra più grande maestra), ma si sa… i tempi cambiano e i gusti si evolvono.

Inizialmente il gruppo si chiamava “PontiCelli” e il nostro primo concerto è avvenuto in una chiesa sperduta per la località Tretti di Schio. Si è trattato dell’esecuzione di un solo brano, inserito nel programma di un un concerto più vasto e importante (dell’orchestra “Archisonanti”), che però è riuscito ad incantare l’intero pubblico.

Il pezzo scelto è stato “Time”, di H. Zimmer, arrangiato da noi appositamente per l’occasione. Da quella prima esperienza poi sono arrivati numerosi “ingaggi”, tra i quali matrimoni, eventi culturali e presentazioni di libri.

Sostanzialmente siamo un gruppo che attraverso il suono profondo e struggente del violoncello cerca di eseguire, con un tocco di originalità, pezzi di musica contemporanea vicina ai gusti del pubblico di oggi. Si parla di colonne sonore, ma anche dell’ultimo pezzo di successo che si sente ancora in radio… insomma, tanta, ma proprio tanta roba!

Al momento stiamo cercando di “farci un nome”, che attualmente è “The Bridges” (perchè si sa, inglese fa figo!) e di costruire un repertorio che comprenda anche qualche inedito, per poterci esprimere al meglio!

La nostra età? Dai 16 ai 19 anni…

La nostra energia? Tanta! Come tanta è la nostra voglia di fare e la nostra determinazione… qualcuno dice che siamo anche bravi, dunque i presupposti per creare qualcosa di bello ci sono, eccome.

Sicuramente la cosa più emozionante di tutte per ora è stata una standing ovation di di più di un centinaio di persone al termine dell’esecuzione di un pezzo all’evento “Poleo’s got talent” di febbraio 2016. Emozioni del genere sono sicuramente rare e preziose… e inutile dire che speriamo di riceverne tante altre durante i prossimi live!

Se vi piace l’idea, seguiteci su facebook (https://www.facebook.com/thebridgescellos/ ) per restare informati su date, concerti e non solo!

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.