Il profumo della vita

L’Italia produce energia elettrica utilizzando diverse fonti. Nel 2014, questa era la situazione:

Fonte: ENTSO-E 2014 report

Come vedete, la produzione da fonte rinnovabile (idroelettrico, fotovoltaico e eolico) è rilevante: il 36% della produzione, più di un terzo.

Il gas naturale, che non è una fonte rinnovabile, ma è comunque più pulito del carbone e dell’olio, pesa per il 34,9%.

Del restante 30% circa, il 13,2% è rappresentato da centrali che bruciano carbone.

Come si produce energia elettrica in Germania? Così:

Fonte: ENTSO-E 2014 report

Quasi la metà della produzione di energia elettrica (che è più del doppio di quella italiana) deriva da centrali elettriche che bruciano carbone. Solo il 20,4% è produzione da fonte rinnovabile, soprattutto eolica.

Cosa significa questo? Questo:

Fonte: rapporto Greenpeace 2013 “ Killer silenziosi” — su modello statistico EMEP

Da questa mappa dell’Europa si capisce che il problema delle emissioni nocive legate alla produzione di energia elettrica da carbone riguarda soprattutto i Paesi dell’Est europei, Regno Unito e Germania.

Forse da questa tabella si capisce meglio:

Fonte: Greenpeace — “Killer silenziosi” — 2013

In Germania, 3.465 persone ogni anno muoiono a causa delle emissioni delle centrali a carbone, sette volte più che in Italia. Non chiedetemi perché Greenpeace abbia deciso di calcolare e mostrare i giorni di lavoro persi, e non quelli di vacanza.

EMEP, che ha fornito i dati per le elaborazioni di Greenpeace, è un ente delle Nazioni Unite che risiede in Norvegia.

Dunque, il prezzo dell’energia elettrica in Germania (della sola energia) è più basso che in Italia. Ma il costo per produrla non tiene conto dei giorni di vacanza persi.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.