Cronache danubiane IV, Linz–Grein

In bici sul Danubio, da Passau a Vienna, 20 Agosto 2016

Una gran tirata sotto un sole cocente. Linz scivola subito via tra i grandi parchi. Appena fuori città stanno smontando un ponte per restaurarlo: extreme umarelling. Si supera la zona industriale lungo l’argine ed è subito sole a picco. L’aria è fresca ma le ombre scarseggiano per cui il lato destro è costantemente bersagliato dai raggi: a fine giornata io sembro una bistecca cotta solo da un lato. Oriella prudentemente si impana nella crema solare fino a diventare una maschera del teatro No. Dopo un po’ di passaggi e saliscendi tra i paesini arriviamo a Mauthausen. Curioso pensare che i nonni di questi signori ammazzassero i nostri nonni a migliaia come conigli e ora noi veniamo a prenderci il caffè. Non abbiamo tempo e io non ho voglia di visitare il campo: non in questa vacanza. Da qui in poi inizia un infinito argine che gira lentissimamente a sinistra con due caratteristiche principali: non c’è assolutamente nulla tranne fiume, alberi e gli immancabili cigni. Una lunga pedalata sotto il sole a picco per 10–12 km senza soste e finalmente, come un miraggio, appare un baretto dove ci rifocilliamo e rinfreschiamo. Mitterkirchen è vicina, sarebbe stata la nostra tappa ideale ma abbiamo trovato posto solo a Grein, 15km più avanti. Sono 15km bellissimi però: le gambe reggono, la schiena pure, la ciclabile ritrova il Danubio e corre lungo infiniti campi di mais, barbabietole e fagioli con scenari sullo sfondo molto pittoreschi. Finalmente arriviamo a Grein e troviamo la pensione di Helga, miracolosamente prenotata grazie alla intercessione della proprietaria del Gasthof di Inzell. È un posto all’antica, non c’è il Wi-Fi ma c’è una grande cicogna che ha fatto il nido sul camino proprio di fronte alla nostra finestra. Credo che ci staremo bene, intanto abbiamo steso un po’ di bucato e ci godiamo la terrazza con un venticello delizioso. Fun fact: lungo il percorso abbiamo trovato un campo intero di rigogliosissima ganja: ma è legale in Austria?