DOPO LA PIOGGIA

Oggi è un giorno di temporale. Meglio, ieri c’è stato il temporale e oggi rimangono per terra le macchie umide della pioggia scrosciante, le foglie trasportate dall'impeto della tempesta e nell'aria si spande quell'odore di ricordo di lacrime del cielo.

Insieme a questo rimane la delusione, il senso di sconfitta per l’ennesimo fallimento, la paura di non essere all'altezza, la convinzione che nonostante la corsa impetuosa niente mi potrà impedire di cadere di nuovo.

Ogni volta che mi rialzo dopo essere caduto, sollevo gli occhi al cielo con la certezza che sarà l’ultima … fino a quella dopo. Oggi scelgo però di guardare il sole spuntare dietro le nubi, scelgo di non lasciare che l’umido della tempesta possa indolenzirmi lo spirito e l’anima.

Scelgo di credere che nonostante tutti i miei inciampi e i miei fallimenti, Lui mi ama e perdona.

“Nessuna tentazione vi ha colti, che non sia stata umana; però Dio è fedele e non permetterà che siate tentati oltre le vostre forze; ma con la tentazione vi darà anche la via di uscirne, affinché la possiate sopportare.” (Prima lettera ai Corinzi 10:13)

�^<Ӏ�

Like what you read? Give René Tonelli a round of applause.

From a quick cheer to a standing ovation, clap to show how much you enjoyed this story.