Fra Bolzano e Modena il 7,1% delle startup italiane

Barbara Ganz nel suo blog su Il Sole 24 Ore traccia un’analisi delle startup nel nordest italiano. La giornalista rileva in particolare come oltre il 7% delle imprese innovative italiane si collochino lungo l’asse del Brennero, sulla direttrice che collega Modena e Bolzano.

Le ragioni di questa concentrazione sono diverse: la presenza di atenei di eccellenza, un tessuto imprenditoriale vivacissimo, infrastrutture che permettono una buona integrazione economico-sociale. Insomma, le buone idee hanno bisogno di luoghi in cui nascere, ma anche di strade da percorrere.

L’analisi della Ganz si allarga poi all’intero nordest. Nel complesso Veneto, Trentino-Alto Adige e Friuli Venezia Giulia contano 939 startup innovative, il 14% di tutte quelle italiane. Sei fra queste hanno ricavi pari o superiori al milione di euro.

Il Veneto è al quarto posto in Italia con 563 startup (preceduto da Lombardia, Emilia Romagna e dal Lazio). Il Trentino-Alto Adige conta 216 startup innovative, mentre il Friuli Venezia Giulia 160. Se scendiamo più nel dettaglio, nel G7 delle province italiane con il più alto numero di startup, scrive la Ganz, troviamo due province del Nordest: Padova, con 164, e Trento, la “Silicon Valley delle Alpi”, con 151.

Il Trentino, con le sue 151 startup si conferma una star dell’innovazione tricolore. Questa, in particolare, la ripartizione delle startup per settore di attività:

  • 64 sono attive nel settore dei servizi di informazione e comunicazione (42,4%)
  • 46 nelle attività professionali, scientifiche e tecniche (30,5%)
  • 37 nel manifatturiero (24,5%)

Il tasso di digitalizzazione è piuttosto alto: il 63% delle startup trentine ha un sito web, contro una media del nordest che si assesta attorno al 52%.

Barbara Ganz analizza anche le parole chiave associate alle startup che hanno sede in provincia di Trento: al primo posto “Università di Trento”, al secondo “interdisciplinarietà”, poi “FESR” e “spin-off”, ma anche “nanotecnologie” e “modellazione 3D”.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.