Arriva l’autunno: qualche spunto stagionale per delle ricette facili e gustose!

Dai fichi più gustosi ai cachi più appetitosi, passando per le prime zucche della stagione, questo autunno saprà di certo deliziare il tuo palato. Se hai voglia di una cenetta leggera ma gustosa … leggi alcune ricette semplici e prelibate e preparati a leccarti i baffi!

Iniziamo con un piccolo antipasto che ti farà di certo leccare i baffi: gli stuzzichini di mozzarella di bufala e fichi! La preparazione? Semplicissima: fai scolare per qualche minuto la mozzarella di bufala, appoggiaci sopra dei fichi maturi e condisci il tutto con un trito di 2 rametti di santoreggia, 3-4 cucchiai di olio extravergine d’oliva, un cucchiaino di pepe rosa pestato e un bel pizzico di sale. Il tocco finale? Una manciata di pinoli tostati et voilà… il gusto è servito!

A questo punto ti si sarà aperto lo stomaco, dunque non ti resta che darci sotto con una buonissima vellutata di zucca per cui ti serviranno:

  • 800 g di brodo vegetale
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero q.b.
  • 1 pizzico di noce moscata
  • 130 g di porri
  • 1 kg di zucca
  • 100 g di panna fresca liquida
  • 40 g di olio extravergine d’oliva

Per prima cosa fai rosolare il porro in una casseruola assieme a dell’olio e, se necessario, sfumalo con un po’ di brodo vegetale! A questo punto aggiungi la zucca tagliata a cubetti, versa il brodo, fai cuocere il tutto per 25-30 minuti ed aggiungi noce moscata, sale, pepe e panna frullando il risultato finale con un mixer ad immersione.

E per un dolcissimo finale… un semifreddo ai cachi! Come preparalo? Mescola la polpa frullata di 2 cachi con 500 ml di panna fresca montata, 200 gr di zucchero e il succo di mezzo limone. Versa il composto in uno stampo da plumcake rivestito con della pellicola trasparente e lascia in freezer per qualche ora. Prima di servirlo taglialo a fette e guarniscilo con una crema di cachi frullati con la cannella.

Menù appetitoso, eh? Se però siete troppo stanchi per cucinare venite alla Ristorante Pizzeria Corte Maggiore e godetevi tanti piatti diversi ma sempre buonissimi!

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.