Black Cat — Zucchero Sugar Fornaciari

Questa settimana parliamo di musica con chi se ne intende: la parola a Lisi di Compact — La dischetteria di Montebelluna che ci racconta del dodicesimo album di inediti di Zucchero, in uscita il 29 aprile.

Si chiama Black Cat e ancora una volta il cantante italiano pubblica un album capolavoro: un disco dal sapore rock-blues (che richiama le atmosfere di “Oro, Incenso e Birra”) e che conterrà al suo interno anche il brano “Streets of surrenders (S.O.S)” frutto della collaborazione artistica con Bono degli U2, da sempre amico di Zucchero. Un inno alla libertà, una canzone contro l’odio, scritta dopo la tragedia del Bataclan di Parigi.

C’è da dire che la produzione artistica dei 13 brani che compongono il disco porta la firma di tre grandissimi nomi del panorama internazionale. Parliamo T-Bone Burnett (Elvis Costello, Elton John, Tony Bennett e altri), Brendan O’Brien (Bruce Springsteen, Pearl Jam, Bob Dylan e altri) e Don Was (The Rolling Stones, Iggy Pop, Bob Dylan e altri).

Come se ciò non bastasse, ricordiamo anche la straordinaria partecipazione alla chitarra di Mark Knopfler, protagonista sia del brano “Streets Of Surrender (S.O.S.)” sia del brano “Ci si arrende”.

Questa la tracklist di “Black Cat”:

“Partigiano Reggiano”, “13 Buone Ragioni”, “Ti Voglio Sposare”, “Ci Si Arrende” — feat. Mark Knopfler, “Ten More Days”, “L’Anno Dell’Amore”, “Hey Lord”, “Fatti Di Sogni”, “La Tortura Della Luna”, “Love Again”, “Terra Incognita”, “Voci (Namanama version)”, “Streets Of Surrender (S.O.S)” — feat. Mark Knopfler.

Vi lasciamo con il video del singolo di lancio nel mercato italiano, “Partigiano Reggiano” seguito da quello di lancio nel mercato mondiale, “Voci” (Namanama version).

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.