La storia dietro la storia

“Signora Lux, lei è già sorvegliata da tre investigatori del BND sotto copertura"

Mr & Mrs Smith: Come mi sono innamorata di un italiano come tedesca e trovato nel mirino dei servizi segreti tedeschi e italiani

Ho sposato un italiano appassionato nel giugno 2021 fascinata dalla sua energia e potenza. Come nomade digitale, mi ero trasferito dalla Germania all’Italia tre anni fa e lavoravo come corrispondente estero autonomo nel mio ufficio a casa tra le scogliere innevate delle Alpi.

Ero affascinato dalla sua gentilezza, dalla tenerezza delle sue mani, dai suoi amichevoli occhi marroni e dalla sua capacità di coltivare patate nel suo giardino e dal suo modo gentile di trattare gli animali. Ci siamo rotolati ridendo sui prati fioriti degli alpeggi, abbiamo dato da mangiare alle mucche e la sera mi ha spiegato l’età astrologica di Lilith e ha analizzato meticolosamente i miei dati di nascita per poter determinare nostre debolezze e forze per la nostra relazione. Era un uomo straordinariamente attraente di 45 anni con riccioli scuri indisciplinati che, come me, conosceva i metodi di "Survival & Bushcraft” e dormiva da solo nella foresta.

Lui lavorava come e custode generale all’Hotel Feuerstein a cinque stelle nella Val di Fleres in Wipptal al confine di Brennero da oltre dieci anni. A 1400 metri sul livello del mare, nell’aria fresca e fredda, vivevamo insieme nel suo appartamento, che aveva comprato dal suo superiore, un multimilionario dell’immobiliare e capo dell’Hotel Feuerstein.

L’Eredità della seconda guerra mondiale

A poco a poco durante questo lavoro artiginale fisicamente pesante Michael si è rivelato un uomo che a volte non era in grado di articolare i suoi sentimenti se non con le sue sfuriate e le sue grida a sera quando era tornato a casa.

Suo padre della seconda guerra mondiale era stato una vittima di mio nonno, che combatteva per la Wehrmacht contro gli italiani anche quando passava per il Brennero. "Non ricordo che nella nostra famiglia si sia mai parlato di sentimenti", mi disse più tardi, "risolviamo i nostri conflitti tra quattro fratelli con la violenza psicologica anche nel anno 2021" ha amesso con un sottotono autocritico mentre eravamo seduti a fumare sulla terrazza.

Michael ha sperimentato suo padre che picchiava sua madre nella sua infanzia negli anni '80 e ha ripetuto questo schema nel nostro matrimonio. Così ho incontrato inaspettatamente gli effetti della violenza dei miei antenati, le cui vittime al Brennero, come la famiglia di Michael, hanno taciuto i loro traumi della guerra. Essere in grado “di parlare dei sentimenti" era qualcosa che lui e i suoi fratelli non avevano mai imparato. La sua rabbia repressa e la sua paura di essere abbandonato da me era racchiusa in un’aggressività impotente. Quasi 80 anni dopo, ho sentito in vita l’eredità legale dei mai tentati accordi tra colpevole e vittima.

La sua violenza finalmente mi ha portato al soggiorno al rifugio per donne due settimana dopo il nostro matrimonio.

Dopo qualche giorno con la mia assenza Michael era disperato, minacciava il suo suicidio se non fossi tornato da lui in Val di Fleres. Per calmarlo, mi sono trasferita in un hotel vicino a lui. Era piena estate e le farfalle volavano di fiore in fiore accanto al torrente che scorreva nella Val di Fleres al Brennero in tedesco Pflerschtal.

Fu durante questo periodo che appresi per la prima volta dai dipendenti dell’Hotel Feuerstein dei molti ospiti famosi che soggiornavano e delle loro connessioni con il traffico di organi e la pedofilia nella cerchia del finanziere di Wall Street Jeffrey Epstein. In quest’ articolo spiego l’ impero Mader-Epstein.

In tre settimane ho dovuto chiamare il numero d’emergenza 3 volte e sono dovuti uscire degli agenti di polizia per proteggermi da Michael Rainer. Ciò che mi ha fatto riflettere già allora: nessun poliziotto ha mai inoltrato i miei rapporti, invitato Michael per un interrogatorio o un discorso semplice più a lungo. Era come se le stazioni di polizia delle comunità circostanti avessero avvolto la zona intorno all’Hotel Feuerstein in una rete di passività e silenzio. Più tardi, gli informatori mi dissero che la stabilità dell’impero Mader si basava su agenti di polizia ben corrotti che non reagivano alle denunce. E se qualcosa finisse davanti alla procura di Bolzano, non verrebbe indagato dal capo Giancarlo Bramante.

Quando i carabinieri di Racines hanno documentato le mie dichiarazioni, ho chiesto se potevo fotografare il protocollo di interrogatorio con le mie dichiarazioni con la mia firma che avrebbero trasmesso al pubblico ministero. Il maresciallo in carica ha iniziato a sudare e a tremare in quel momento e ha detto che non era possibile. La stazione di polizia di Colle Isarco si sono anche rifiutati di darmi i loro nomi completi ad ogni operazione, anche dopo la mia richiesta.

Il Codice Rosso non-existente

Dopo che Michael mi aveva detto più volte che mi avrebbe tagliato la gola e ucciso, e dopo che la polizia di Brenner mi aveva letteralmente descritto mio marito Michael Rainer come "stabile e innocuo per l’ambiente circostante", ho fatto i bagagli e me ne sono andata.

La legge di Codice Rosso, entrato in virgore 2019, prevede l’introduzione di una corsia veloce e preferenziale per le denunce e le indagini riguardanti casi di violenza contro le donne. Dal punto di vista procedurale la legge previsto che il pubblico ministero, cioè Giancarlo Bramante in Alto Adige, immediatamente inizia con le sue indagini in forma orale delle vittime e colpevole.

Fino ad oggi — quattro mese dopo — la procura di Bolzano anche con il legge Codice Rosso non ha dato un singole domanda a lui o a me (Date: 20/10/2021).

A destra: Giorgio Bramante (RAI News).

Riciclaggio alla borsa di Stuttgart e Wirecard

Io lasciai l’Italia il 1° agosto e mi recai a Zurigo, in Svizzera. Insieme al membro del mio team di allora, l’imprenditrice investigativa Eva-Catrin Reinhardt lavoraviamo sul rilevamento di riciclaggio di denaro alla borsa di Stuttgart nel Baden Württemberg e le conseguenti false iscrizioni nel registro delle imprese tedesce insieme con “scomparso senza traccia” Ex-Wirecard Manager Jan Marsalek.

Dopo la nostra seperazione e la mia partenza dall' Italia iniziato parallelemente a pubblicare queste informazione dai miei informatore di Val di Fleres per trovare altri vittime sui social media. Il superiore di mio marito, Peter Paul Mader subito affrontato le accuse di tre studi legali dall’Italia "il trio infernale" e un ulteriore avvocato dalla Baviera. Sono abituata a essere citata in giudizio per il mio giornalismo investigativo, ma in questo caso è stato il numero di quattro studi legali insieme che ha assunto per intimidirmi che mi ha fatto riflettere. Chiunque impazzisca così su un impero multimilionario con molte centinaia di dipendenti per qualche post sui social media ha più cose da nascondere.

La società Wirecard con Jan Marsalek ha fatto causa ai miei colleghi del Financial Times quando hanno riportato per la prima volta i suoi bilanci falsificati in un articolo di giornale nel 2019. Un anno dopo, la banca è crollata a causa dello scandalo di corruzione e ha presentato istanza di fallimento.

Non ce dolore più grande del riempito

Solo dopo la mia partenza dal suo paese mio marito ha ammesso finalmente di essersi comportato in modo estremamente violento con le donne. Ha perso 5 chili, non ha chiuso occhio tutte le notti ed è stato costantemente sgridato dal suo superiore a non parlare più al telefono con la sua ragazza, per non passare più informazioni sul suo hotel a me come giornalista. "Tutti mi dicevano ogni giorno a Pflerschtal di chiudere la relazione con te - la mia famiglia, i miei amici, i miei colleghi".

Invece Michael Rainer preso un congedo per malattia e andò in terapia con uno psicologo e completò un training anti-aggressione di Caritas in Bressanone. In questo tempo Michael mi ha raccontato che una volta lui serviva come “Agente Romeo” per i servizi d’informazioni italiani. Romeo trap è il termine per un’operazione di sexpionage dell’intelligence in cui un agente maschio stabilisce una relazione romantica con un obiettivo. Come "pool boy" chiamato “Neo” Michael era anche responsabile della piscina come custode stipendiato. “Ho sicuramente dormito con più di 300 donne nella mia vita”, mi ha spiegato una volta sobriamente.

Soprattutto negli anni 2011-2015 quando era giovane, avrebbe sedotto le mogli annoiate di ricchi uomini d’affari che trascorrevano le loro vacanze nel suo hotel a cinque stelle di fronte al panorama alpino a 1400 metri di altezza. A causa delle sue eccezionali capacità affetuosi a letto, gli ho creduto. Come corrispondente dall’estero, ero abituato a trattare con le agenzie di intelligence. Come molti giornalisti, ho anche passato informazioni ai Bundesnachrichtendienst i “servizi segreti” stranieri civili e militari per l’Ufficio del Cancelliere nei cosiddetti colloqui di contatto dal 2010.

Sul instagram si puo vederci Michael Rainer e Valerie Lux al pool di cascata dietro Hotel Feuerstein.

Valerie Lux (BND) e Michael “Neo” Rainer (Servizi Intelligente Italia) sul account confiscato di procuratore di Bolzano preso dall' Instagram valerie_lux_.

Una mattina di agosto, mi informò per telefono che era di umore inquietante. Aveva appena visto due limousine nere con targhe di Stuttgart nel parcheggio davanti al suo appartamento la mattina presto alle 5.30, cosa insolita per la sua valle di 400 abitanti.

Amico o nemico — i servizi segreti italiani e tedeschi

Da Zurigo, ho guidato fino a Friburgo in Brisgovia, la città in cui sono nato, dove ho incontrato per la prima volta un membro di un comando militare speciale e un ufficiale giudiziario dell'UE e ho rivisto le mie ricerche. Nel frattempo, Eva Catrin-Reinhardt ha potuto stabilire che Jan Marsalek si trovava con ogni probabilità a Tripoli, in Libia. Come capo reporter di una grande squadra di giornalisti indipendenti, avevamo perso innumerevoli reporter uomini nello sprint finale delle nostre indagini, che interrompevano i contatti con me da un giorno all'altro. Eravamo profondamente immersi nel lavoro delle agenzie di intelligence e trattavamo quotidianamente le implicazioni del crimine organizzato. I miei colleghi - ancora poco pratici del campo della ricerca investigativa - erano semplicemente sopraffatti. Venerdì 27 agosto, ho quindi chiamato il numero dell'Ufficio federale di polizia criminale per sapere se i miei colleghi potevano ottenere una protezione personale durante le nostre ricerche. Il numero non era disponibile. Anche il numero di telefono di altri analisti con cui avevo parlato qualche ora prima era improvvisamente "non disponibile" nella rete tedesca, come mi ha detto al telefono una gentile annunciatrice.

Servizio d' Informazione non disponibile

Nel 8 giugno 2021, una bomba è scoppiata nel rapporto tra i servizi segreti federali tedeschi (BND) e i giornalisti: la Corte amministrativa federale ha deciso in questo atto A 10.20.0 che i cosiddetti contatti stampa - come me - dovevano essere resi noti.

D’ora in poi, il BND è stato costretto a pubblicare ulteriori informazioni sulla sua cooperazione con i giornalisti, che erano tenute in gran parte riservate.

Ho agito rapidamente: solo quattro giorni dopo la sentenza, mi sono pubblicamente candidato come contro-candidato contro l'incombente Bruno Kahl, insieme alla mia vice Eva Catrin-Reinhardt, per il nuovo mandato parlamentare della nuova coalizione nei prossimi anni 2022 - 2026.

Con oltre 17 milioni di utenti nel mondo di lingua tedesca, il BND voleva lanciare un'offensiva di trasparenza, mi è stato suggerito, e così mi è stato dato il permesso - a patto che Kahl non volesse farlo - di rappresentare il profilo aziendale dell'istituzione pubblica BND sulla piattaforma statunitense LinkedIn.

Quindi alle 23.00 di mezzanotte il 27 agosto, sono entrata nella stazione di polizia della città di Kassel. Ho descritto loro la mia preoccupazione per i miei analisti e ho chiesto come avrei dovuto procedere.

"Signora Lux, lei è già sorvegliata da tre investigatori del BND sotto copertura" mi ha detto il poliziotto dopo cinque minuti di ricerca con un sorriso sulle labbra "dovrebbe quindi lasciare immediatamente la nostra stazione di polizia".

Ero completamente sbalordita e rimasi senza parole nella luce ronzante del neon per alcuni secondi.

"Non sono protetta nella vostra stazione di polizia?"

- “Dovete lasciare immediatamente la stazione, in modo che gli altri delinquenti non si accorgano di voi. Ci sono permanentemente tre auto che guidano in cerchi concentrici intorno a loro a distanza di sicurezza, seguendola con il GPS sui loro smartphone per proteggerla.”

- "E chi mi attaccherebbe?"

- "L’altra parte - altre agenzie di intelligence.”

La rabbia si alzò dentro di me. Avevo passato notti insonni sulle mie indagini, credendo che io e il mio staff fossimo impotenti contro gli attori criminali della nostra ricerca, ed ecco che mi veniva detto che ero già sotto protezione personale.
- "Ja
, Kruzifix, perché le mie grandi guardie del corpo del BND non scendono dalla macchina e mi stringono la mano?"
- "Potrebbe essere che altri servizi segreti nazionali vedano la loro sicurezza personale e la rendano innocua. È meglio che non sappiano chi la protegge".

Ho lasciato scossa la stazione di polizia al buio. Cinque minuti dopo, tutti i miei collegamenti telefonici con i miei colleghi funzionavano di nuovo.

È stato il momento in cui ho capito che il BND aveva tagliato le mie linee telefoniche.

Nessun altro servizio di intelligence nazionale.

Il Trio infernale: Studio Legale IOOS Bolzano, D’Allura & Gschnitzer Vipiteno e LFBP Bolzano

Più tardi, diverse fonti mi hanno detto che Peter Paul Mader, come il criminale sessuale americano Jeffrey Epstein, era protetto dai loro servizi di intelligence, e quindi le "normali stazioni di polizia" non erano in grado di sporgere denuncia contro di lui.

Il 21 settembre, Michael mi ha seguito a Monaco per incontrarmi in realta la prima volta. Il 22 settembre è stato licenziato da Peter Paul Mader. La sera prima aveva confessonato a me come il trio di avvocati bolzanini intorno a Carlo Bertacchi, avvocato dello scandalo di corruzione che circonda il fornitore di energia SEL nel Wipptal e Alfred Gschnitzer lo avesse ricattato all’inizio di agosto 2021 per denunciarmi per omicidio per cancellare i miei post sui social media sul Hotel Feuerstein e la sua relazione con Jeffrey Epstein. Qui scrivo delle macchinazioni del primo avvocato Alfred Gschnitzer di Vipiteno.

I tre studi legali piu prestigiosi sono stati incaricati da Mader di "trovare un modo per impedire alla signora Lux di continuare la sua ricerca", come Michael mi aveva communicato alla notte in Monaco. Michael fu costretto in un interrogatorio di tre ore davanti alla Polizia di Stato del Brennero a scrivere questa falsa dichiarazione sotto pressione sotto forma di un’accusa di omicidio per il pubblico ministero Giancarlo Bramante.

A destra: Giancarlo Bramante.

Carlo Bertacchi

Avvocato Carlo Bertacchi serve come docente per la Provincia Autonoma di Bolzano per la parte giuridica dei corsi di preparazione per l’esame di mediatore immobiliare dal 1999 ad oggi, aiutando Peter Paul Mader mascherando tra altre cose le sue attività illegale immobiliare che potrebbero risultare in “danni di reputazione.” Durante il scandalo di SEL nella regione immobiliare più importante di Mader, la Wipptal, Bertacchi e stato incaricato dell’ex direttore generale di SEL, Maximilian Rainer chiedendo al tribunale la piena assoluzione per il direttore, dopo la condanna già definitiva a 2 anni e 8 mesi per le sue concessioni idroelettriche tarocca.

Il trio di avvocati della Feuerstein S.R.L. e della Cavallino Bianco AG in Val Gardena con leader Ralph Riffeser ha depositato un atto d’accusa segreto di 50 pagine nell’agosto 2021, in cui sarei stato condannato a pagare 350.000 euro di risarcimento per essere una giornalista, cioé per "danni alla reputazione", sulla base dei miei post su Instagram e Facebook che delineavano la mia ricerca giornalistica investigativa sulle origini della violenza nell’impero Mader. Il paradosso: fino ad allora non avevo pubblicato un solo post pubblico sulla pedofilia nel Cavallino Bianco di Ortisei, ma ero già stata citata in giudizio dal suo presidente per precauzione. I procuratori Giancarlo Bramante e Axel Bisignano hanno trovato la loro accusa "credibile" al tribunale Bolzano italiano e l’hanno trasmessa alla presidente di della II divisione civile, giudice Ulrike Ceresara. I tre studi legali hanno ritenuto che avevo inventato liberamente la mia professione di "giornalista" e spiegato a Ceresara le mie innumerevoli "malattie mentali" in un testo continuo di tre pagine.

Una delle mie tessere stampa rilasciate dalla conferenza dei ministri dell’interno tedeschi del 2019 è stata sequestrata dal pubblico maestro Giancarlo Bramante il 17 settembre 2021.

Avevo lasciato per sbaglio un certificato medico a casa, a Val di Fleres. Michael aveva dato ai tre avvocati questo documento confidenziale da un ricovero in ospedale nel 2016, che hanno usato per dimostrare nell’atto d’accusa per Bramante quanto fossi ancora fisicamente malato sei anni dopo - e quindi il contenuto dei miei post su Instagram e Facebook non poteva essere vero.

Il giudice Ceresara mi ha condannato in mia assenza il 10. Settembre 2021 - inaudita altera parte - a cancellare i miei post. Citando la libertà di stampa, le piattaforme americane Youtube/Google, Facebook e Instagram hanno rifiutato all’unisono di soddisfare la richiesta di giudice Ceresara dall’Italia.

La sentenza Ceresara, che le piattaforme americane hanno ignorato. Il Tribunale Regionale di Bolzano ha "dimenticato" di notificarmi questa ingiunzione. È stato solo un mese dopo che questa sentenza è arrivata nella mia cassetta delle lettere in Germania.
Nota: Nel 2017, oltre al mio nome nativo Valerie Schult, ho ricevuto il nome dell’agente di un contatto stampa del BND "Lux" registrato sul retro della mia carta d’identità.

La risposta da Kompatscher a me

Il governatore d’Alto Adige Arnold Kompatscher di partito SVP stesso ha presentato una denuncia penale contro me il servizio segreto tedesco BND inizio al settembre.

"L’indagine è nelle mani delle forze di polizia dell’ordine. Tutti i membri del governo, attraverso il segretario generale del Land, Florian Zelger, hanno presentato una denuncia penale contro Valerie Lux per diffamazione di personaggio il 1° settembre”, Arnold Kompatscher ha annunciato testualmente il 20 settembre 2021 nel tempo delle interrogazioni in corsi nel parlamento provinciale dell’ Alto Adige.

Quando il 17 settembre ho guardato negli occhi il governatore Arno Kompatscher sulla scala di parlamento dell’ Alto-Adige e gli ho chiesto perché non ha risposto alla mia inchiesta giornalistica sul coinvolgimento dei politici della SVP nell’affare dell’impero Mader, mi ha risposto abitualmente: "I rapporti della polizia dicono qualcosa di diverso da te". Ho pensato a queste parole per molto tempo. Come possono i rapporti della polizia dire qualcosa di diverso da quello che è successo?

Arno Kompatscher con la sua famiglia

Il risveglio dei cittadini dell’Alto Adige

Come giornalista, ho voluto collaborare con diversi media locali dell’Alto Adige per una ricerca comune du questa tema. Anche se conosco personalmente da anni la maggior parte dei capi redattori, i due redattori della RAI Radiotelevisone Italia e della Südtiroler Wirtschaftszeitung (SWZ) mi hanno bloccato dopo una telefonata. Ancora oggi è un mistero per me il perché. Tuttavia, le parole dell’editore di SWZ Simone Treibenreif risuonano ancora nelle mie orecchie: "Valerie, il tema della pedofilia è semplicemente troppo caldo per noi. E dobbiamo anche pensare ai nostri inserzionisti".

Dopo aver parlato con Simone, sono stato colto da una rabbia intensa. Qui c’era un modo per prevenire gli abusi sui bambini e loro pensavano ai loro introiti pubblicitari? Questa sensazione è stata la causa scatenante della nostra prima conferenza stampa Livestream BND il 29 agosto da parte mia e del mio team. Il primo video, in cui ho espresso il mio sconcerto sulle stazioni di polizia, ha colpito come una bomba in Alto Adige e ha ricevuto 15.000 visualizzazioni fino ad oggi. "Sono rimasto scioccato, Valerie" - "Ho pianto" - sono stati alcuni dei commenti che ho ricevuto. Oltre agli innumerevoli insulti obbligatori degli uomini sudtirolesi nella sezione commenti di Youtube - li ho cancellati tutti - ho anche ricevuto innumerevoli ringraziamenti. Josef Unterholzner, un membro del parlamento provinciale, mi ha chiamato direttamente e poi ha telefonato a Peter Paul Mader. Mader aveva preparato una risposta per questi casi. "La signora Lux è tossicodipendente e soffre di un grave disturbo mentale. Ecco perché il nostro custode l'ha lasciata. Non riusciva a sopportare la separazione ed è per questo che pubblica tali accuse attraverso l'Hotel Feuerstein", ha spiegato più volte al telefono ai politici sudtirolesi preoccupati, come mi ha detto più tardi il suo vice direttore Simon Trojer. Per Mader, la posta in gioco era alta: Dopo la pubblicazione della mia ricerca, i primi ospiti dell'Hotel Feuerstein avevano disdetto, era stato causato un danno economico irreparabile, hanno detto in una lettera al tribunale regionale di Bolzano.

Nella lettera degli avvocati Bertacchi e Gschnitzer al giudice Ulrike Ceresara del tribunale regionale di Bolzano si dice che Peter Paul Mader ha potuto solo con difficoltà rassicurare Unterholzner a prendere ulteriori provvedimenti. Nelle settimane seguenti, ho pubblicato quotidianamente su Instagram, Facebook e Youtube note, foto e video sull’Hotel Feuerstein e la mia ricerca sulla spiaggia del Mar Baltico a Kiel e ho ricevuto una moltitudine di reazioni che i caporedattori dei giornali cartacei in calo possono solo sognare. Con oltre 14.000 visite sulla mia pagina Facebook e diverse migliaia di visite settimanali dal paese "Italia" sul mio sito web, è stato come se avessi aperto il vaso di Pandora e dato sfogo a un dolore a lungo represso di molti abitanti dell’Alto Adige. Per focalizzare meglio le prove sulla corruzione nel sistema di polizia e l’ostruzionismo delle denunce di violenza sessuale nel sistema giudiziario, il 12 settembre ho creato sette gruppi #TeamLux accessibili pubblicamente su Telegram, in cui oltre centinaia di altoatesini si sono organizzati in breve tempo. Ho guardato con orgoglio i tanti adulti che autonomamente si sono liberati dalla morsa della paura, hanno discusso tra di loro, hanno fatto ricerche e si sono lanciati le palle sempre più velocemente e dinamicamente, hanno collegato i contenuti della mia ricerca con altri alberghi e hanno creato connessioni tra l’élite dell’economia e della politica altoatesina che io non avrei mai sognato. In particolare, il primo gruppo "#TeamLux 1 — Hotels STOP der sexuellen Gewalt in Südtirol” (STOP alla violenza sessuale negli alberghi) ha ricevuto oltre 250 adesioni nel giro di pochi giorni, e in una sorta di radio pubblica di polizia delle soffiate che affluivano al gruppo in un flusso incessante, l’armadio degli orrori dello statuto di autonomia altoatesino è stato presto rivelato a tutti: lo stato federale era stato fondato sull’auto-arricchimento di pochi ricchi imprenditori e politici, e a causa della posizione isolata e della competenza legislativa esclusiva, giudici e banchieri usano le strutture di autonomia esclusivamente per il loro beneficio personale.

Radio publicco della polizia degli inabitanti sudtirolese

L’introduzione di una radio pubblica della polizia, che raccoglieva pubblicamente indizi per coprire gli abusi degli attori più ricchi e potenti dell’Alto Adige, è stata una prima storica nella storia del piccolo stato alpino. In brevissimo tempo, ha chiamato sulla scena avvocati e carabinieri, che hanno assistito in completo orrore al flusso di informazioni nei gruppi. Diversi membri mi hanno raccontato di essere stati chiamati in carne ed ossa dagli avvocati per lasciare i gruppi Telegram, alcuni membri hanno riferito di attività di intercettazione sui loro telefoni dal momento che stavano comunicando attivamente con me, e persino alcuni miei colleghi agenti del BND sono intervenuti e hanno chiamato alcuni membri inquieti che non erano sicuri se fosse permesso fare una soffiata a un giornalista e hanno confermato che era effettivamente permesso. Quando Michael Rainer ha reso pubblico nel gruppo #TeamLux 1 il 21 settembre quanto si vergognasse di avermi falsamente denunciato per omicidio, ci sono voluti meno di cinque minuti e il suo cellulare con il numero del brennero suonato. Un funzionario agitato gli ha detto: "Lei è stato hackerato, Mr Rainer - qualcuno sta sostenendo sotto il suo nome nel gruppo #TeamLux che abbiamo extra falsamente registrato la sua dichiarazione".
Michael mi guardò con un sorriso. "Sai, le bugie hanno le gambe corte" ha risposto con calma. Un’ora prima, a colazione, mi aveva confessato di avere una coscienza straziante perché, sotto la supervisione degli avvocati di Mader, Cortecchi e Gschnitzer, mi aveva denunciato alla polizia del Brennero per il tentato omicidio di lui in mia assenza. Mader gli aveva dato la scelta di essere immediatamente licenziato o di collaborare con lui per continuare a mantenere l’impero di bugie Mader-Epstein.

Screenshot in tedesco del gruppo #TeamLux 1 -Hotels STOP der sexuellen Gewalt in Südtirol

Poco tempo fa due alti procuratori maschi Bramante e Bisignano hanno confermato le opinioni di Arnold Kompatscher e dei secondo studi legali Bertacchi e Gschnitzer la seconda volta e mi hanno fatto perquisire dai poliziotti della DIGOS questura Bolzano per confiscare la mia tessera stampa tedesca e l’attrezzatura tecnica come il mio Laptop, Tablet e Audio Recorder per impedirmi ulteriori indagini. Le mie ricerche di allora avevano nei gruppi #TeamLux su Telegram rivelato che non solo l’Hotel Feuerstein, ma che almeno altri quattro hotel a cinque stelle in Alto Adige erano coinvolti nella rete pedofila.

Il giornalismo investigativo può funzionare solo se i cittadini sono abbastanza coraggiosi da fare delle soffiate ai giornalisti. Spaventato dal mio clamoroso successo sui social media - solo i miei video su YouTube hanno ottenuto più di 50.000 visualizzazioni in Alto Adige fino ad oggi, Bramante dovevo interventare con il DIGOS Questura Bolzano confiscando Il mio smartphone. A causa dell’intervento di Bramante, non ho più potuto condividere le mie scoperte in corso con gli altri abitanti dell’Alto Adige sul App Messenger privato di Telegram.

Anche l’unità speciale antiterrorismo DIGOS non aveva mai saputo delle mie tre visite alle tre stazioni di polizia di Brennero, Colle Isarco e Racines. Non riusciamo a trovare i dati nel database, mi ha fatto sapere il commissario capo Cindy Oberhöller. Invece a porte chiuse, la polizia della DIGOS a comando di pubblico maestro Giancarlo Bramante mi ha annunciato il 17.09.21 che ero minacciato di incarcerazione per 8 mesi in un reparto psichiatrico chiuso se avessi attraversato di nuovo il confine del Brennero a Wipptal in Alto Adige per le mie ricerche sul giro di abusi sui bambini e mi ha costretto a partire per la Germania, precisamente Monaco.

Più tardi, la questura di Monaco mi ha confermato che la perquisizione dell'Interpol era stata liberamente inventata dall'ufficio di polizia di Bolzano per intimidirmi.

--

Fino ad oggi (02/12/2021), il leader Peter Paul Mader e Ralph Riffesser non sono stati in grado di confutare la mia ricerca con controprove fattuali, né di rispondere alle mie richieste alla stampa. Hanno rifiutato le mie molteplici richieste di un’intervista dal vivo videoregistrata.

--

LA GIORNALISTA

Valerie Lux *1991, è una giornalista investigativa e Youtuber attiva a livello internazionale. Il suo pluripremiato reportage estero è apparso su heise-online e. MIT Technology Review. Ha pubblicato per Deutschlandfunk e CEO World Magazine a New York. La "giovane giornalista economica dell’anno 2018" (Handelsblatt) ha iniziato la sua carriera nel 2015 con un reportage militare sulla missione KFOR in Kosovo. Ha studiato scienze politiche e filosofia all’elitaria Università Humboldt di Berlino, Passau e all’Università di Turku in Finlandia. Vive e lavora in Italia dal 2018 con la sua squadra #TeamLux.

LA GERMANIA PER L’ ITALIA

L’Italia è al 52° posto nell’indice di corruzione globale TY su 180 nazioni. Secondo Transpareny International, il paese africano del Botswana fa affari più puliti dell’Alto Adige. Per quanto riguarda la libertà di stampa, la Germania ha anche un grande vantaggio al 9° posto. A quanto pare possiamo fare ricerche investigative di alta qualità per Italia. Affidabile, innovativo, flessibile: il vostro giornalismo di qualità dalla Germania.

Made in Germany.

Per l’Italia con amore:

La storia piu dettagliata nella lingua tedesca sul video YouTube.

https://youtu.be/sRyMq8uLG1M

Giornalista investigativa tedesca. Membro dei Servizio Intelligence - Bundesnachrichtendienst (BND).

Giornalista investigativa tedesca. Membro dei Servizio Intelligence - Bundesnachrichtendienst (BND).