L’apparenza inganna

Volevo fare una bella copertina, obbiettivo mancato.

Finalmente è giunta l’ora, finalmente è giunto il momento di scrivere una storia che è realmente accaduta, e che mi sta facendo pensare negli ultimi giorni.

Giovedì, ore 17:30 circa, io sto pedalando su una bicicletta che forse, e sottolineo forse, è ora di cambiare. Ma il topic non è il ciclismo, non è la salita della “montagnetta di San Siro”. No, è l’arrivo alla vetta, dopo uno sforzo non da poco, in un chiarore (o imbrunire?) molto bello e romantico.

Bene, arrivo e mi siedo sul “solito posto” che piace molto a me. Da lì, posso vedere tutto lo skyline della “nuova Milano” illuminata dalle lampade palazzi. Insomma, Torre Unicredit, Pirellone ecc…

Alle spalle, il “Giuseppe Meazza” con un tramonto diversamente brutto. Ottimo, alle mie spalle ci sono anche due persone: una persona che per comodità chiameremo X, e un’altra persona che chiameremo Y.

X ha un cappello solito, normale, quello d’inverno insomma, con una giacca e niente più una birra i bottigilia di vetro da una parte, uno speaker bluetooth dall’altra. Una canzone romantica in sottofondo, giusto perché si stava limonando duramente Y.

Y ha i capelli lunghi una giacca piuttosto imobottita e abbracciata a X, dal basso.

Queste descrizioni sono state scritte dopo avere visto le loro sagome.

Ottimo, come sempre ( ho pensato ) sono il terzo incomodo che viene odiato da tutti, quindi me ne sto zitto e via, chissene frega.

Mentre loro si stavano baciando, io ho scattato qualche foto e pensato ai cazzi miei. Bene, la musica romantica si interrompe, e X ed Y (a braccetto, presumibilmente) se ne vanno iniziando a parlare normalmente.

Bene, entrambi avevano una voce maschile, erano omosessuali.


Ora, dopo questa storia incredibile, mi soffermerei sul fatto che avete rotto la minchia, voi giudici supremi, scrivendo che i gay sono il male del mondo, che le unioni civili provocano terremoti (ricordate, vero?) eccetera eccetera eccetera.

Avete rotto la minchia, voi che dite che la famiglia tradizionale deve essere l’unica via.

Ho iniziato questa storia, cercando di farvi pensare ad una storia romantica e “da film americano”.

Questo post, lo vorrei finire ribadendo sempre e comunque, che chi rompe il cazzo alla gente, lo fa per pregiudizio e non per deduzione logica ed esperienziale.

Soon.