Ti ridono dietro non è un buon motivo per non farlo, ma anche per farlo…

Le persone giudicano sempre gli altri avendo come modello i propri limiti — e a volte l’opinione della società è piena di preconcetti e timori.”
 
(Paulo Coelho)

Avete un lavoro in comune ospedale, pubblica amministrazione e improvvisamente decidete di licenziarvi per:

fare qualsiasi attività vi venga in mente, meno spendere i soldi che vi ha lasciato un lontano parente, statisticamente più probabile della vincita alla lotteria.

Vi diranno che siete pazzo!

Rideranno tra loro alle vostre spalle!

In misura minore succede anche se avete un qualsiasi lavoro normale, fare il salto da dipendente ad imprenditore, o anche aprire un’attività collaterale tentando di uscire dalla corsa del topo, ha sempre questo effetto sulle persone intorno a voi.

Più o meno coscientemente sperano nel vostro fallimento:

se avete successo i coglioni diventano loro, non voi.

Non ve lo dico solo perché l’ho visto accadere agli altri, l’ho provato sulla mia pelle:

mi prendono in giro più o meno velatamente davanti e ridono alle mie spalle quando pensano che non sento.

Il giorno che avrò successo con qualcosa, diranno che loro lo avevano previsto, che l’hanno sempre detto che era una buona idea, però io ero avvantaggiato per questo quello e quell’altro, loro non possono farlo, sono svantaggiati in partenza.

Cazzate che raccontano a se stessi per dormire meglio la notte, per ritenersi contenti di una vita mediocre, non vissuta al massimo delle possibilità.

Ricorda, prima fai, poi dici:

Fai una buona parte del lavoro in silenzio, non dire a nessuno cosa stai facendo per quanto possibile:

solo quando sei sicuro che non tornerai indietro, sei pronto per affrontare le risate immancabili.

Non fare prima il lavoro ti potrebbe portare a dubitare di te stesso in una fase cruciale:

l’inizio, che con l’indecisione, la mancanza di sicurezza, potresti rimandare all’infinito.

Farlo per gli altri non è mai una buona idea.

Rinunciare perché gli altri ci svalutano è male, ma farlo per avere la soddisfazione di fargli rimangiare le loro risate è forse peggio.

Vero che come motivazione la rivalsa contro il mondo è fortissima, ha solo un enorme difetto:

non ci fa vivere bene, diventiamo acidi, lo stiamo facendo per le ragioni sbagliate e questo si riflette sulla qualità della nostra vita.

Può essere usata come spinta nei momenti più duri, nei momenti che vorremo mollare, ma è sempre meglio guardare e cercare di raggiungere quelli migliori di noi, che valutarsi in base ai peggiori.

Fregatene delle risate, sii egoista, fallo solo per te!

Grazie del vostro tempo dedicato a leggere le mie parole.

Max

max@bartamax.com


Originally published at www.bartamax.com on September 27, 2017.