Face Primer: You’re the FIRST, the last, my everything

Un beauty case è, in versione ridotta, una sorta di infinito guardaroba in cui teniamo tantissime (forse troppe) cose ma ogni volta ci sembra di non avere nulla da mettere.
Ci sono però dei capi “must have” da tenere nell’armadio, quelli che salvano qualsiasi outfit e si adattano a tutto egregiamente. Il primer viso è l’equivalente di un tubino nero. Potresti darlo per scontato e invece è lì a darti un’impeccabile base di partenza, un punto fermo per qualsiasi cosa tu voglia creare.

Che si amino i makeup elaborati o si voglia sfoggiare un viso acqua e sapone, il primer è una tela su cui disegnare il proprio mood e la propria personalità, è il tocco unico che perfeziona il viso, migliora la grana della pelle e rende l’incarnato più luminoso.

Se prima era retaggio esclusivo dei makeup artist più famosi, poco a poco il primer si è diffuso e imposto come un vero e proprio alleato che permette al trucco di durare più a lungo e apparire nel complesso più uniforme e radioso.

Il nostro face primer si chiama FIRST, perché è il primo e indispensabile step di una beauty routine impeccabile. FIRST perché lo abbiamo formulato con l’ambizione di renderlo il primo e il migliore.

Si tratta di una crema leggera e idratante, dalla texture vellutata che si fonde perfettamente con l’incarnato, adattandosi con estrema naturalezza a ogni colorito.
Ne basta pochissimo, da massaggiare dolcemente con i polpastrelli, per uniformare l’incarnato levigando le piccole imperfezioni, addolcendo i primi segni dell’età e donando al viso un aspetto più compatto e luminoso. La pelle sarà subito pronta per una stesura impeccabile del fondotinta.

La magia è nella sua formula: una vera e propria infusione di benessere arricchita con Vitamina C, Antiossidanti e Acido Ialuronico che nutre e perfeziona allo stesso tempo. Il tocco in più? FIRST si può usare anche da solo come base flawless per un make up estremamente naturale. Bastano un filo di blush sulle guance, un tocco di mascara e il sorriso di chi, con la sua bellezza, sa di poter conquistare il mondo.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.