lo scarica barile del registro elettronico

usiamo il registro elettronico a singhiozzo da qualche anno. quest’anno, con enorme ritardo, apriamo i registri elettronici alle famiglie che, in qualsiasi momento, possono curiosare per vedere assenze e voti dei loro pargoli.

tralasciando il fatto che, alla prova dei fatti, non so quale sarà la percentuale di famiglie delle mie classi che utilizzerà questo sistema (ho un’utenza particolarmente debole), ho avuto modo di confrontarmi anche con alcuni colleghi e sono giunto alla conclusione che, alla fine, sia tutto un gigantesco scarica barile.

innanzitutto da parte della scuola. io ti metto le assenze istantaneamente, ti metto i voti che prende tuo figlio istantaneamente: se poi tu, genitore, non prendi provvedimenti la colpa è tua. se non ti accorgi che tuo figlio va male la colpa è tua. se tuo figlio va male la colpa è tua.

sbagliato

la colpa rimane, in parte, della scuola. perché è facile, immediato, togliersi un po’ di responsabilità. è più difficile sforzarsi di aiutare chi si ha davanti.

secondariamente da parte delle famiglie. con questo controllo praticamente istantaneo cara famiglia stai deresponsabilizzando tuo figlio. 
io in marina (quando non si va a scuola n.d.t.) ogni tanto ci andavo e me la gestivo io. o mi falsificavo la giustificazione o mi prendevo la mia responsabilità. 
più che ogni tanto prendevo un brutto voto e me la gestivo io. o mi facevo interrogare, tiravo su la materia e poi spiegavo com’era andata, oppure arrivavo a casa e di fronte al piatto di spaghetti ammettevo di non aver studiato. però lo facevo io. io aprivo la bocca e ammettevo la colpa.
ora tuo figlio arriverà a casa e tu saprai già che ha preso un quattro e gli farai subito la predica. e lui non avrà nemmeno il tempo di inventarsi una scusa perché sarà già tutto sul piatto.

sbagliato

l’ipercontrollo è deleterio, secondo me. non aiuta a crescere. toglie occasioni di responsabilizzazione a tuo figlio. e il barile non glielo fai nemmeno portare a tuo figlio. lo scarichi direttamente in mare.

ps: non voglio fermare il progresso, se di progresso si tratta. ci sono tanti lati positivi nel registro elettronico (al momento mi viene in mente solo la deforestazione) e la strada ormai è tracciata. 
non dematerializziamo sempre tutto però.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.