Recensione Bear, l’app per scrivere in Markdown.

Complice il fatto che è messo in evidenza sul Mac AppStore ho scaricato Bear per Mac, ed ecco la mia recensione. Bear si presenta con un’interfaccia composta in tre parti: la prima presenta i tre tasti per chiudere l’app, per rimpicciolirla e per mettarla a tutto schermo, oltre i tasti software per il cestino e il tasto per visiluzzare le note; la seconda parte contiene tutte le note, che è possibile scrollare; la terza, invece, presenta lo spazio per scrivere le note. L’app è fatta molto bene ed è completamente in italiano, ma per lo scrivente presenta due difetti: il fatto che non presenta una scheramata priva di distrazioni e il fatto che per sincronizzare bisogna pagare 1.49€ al mese, oppure un canone annuo di 15.99. La consiglio a chi come me non ha bisogno di un’app minimalista che consente di scrivere di scrivere senza distrazioni e a chi non ha bisogno di sincronizzare sui propri device, dato che ha anche la possibilità di inserire link nella nota, cosa che non tutte le app di questo genere hanno. il mio voto è di 7 su 10.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.