Organizzazione a Tela

Nuovi modelli organizzativi per migliorare l’Agilità dell’Impresa

Nel post precedente ho introdotto il concetto di organizzazione a Tela.

L’organizzazione a Tela viene definita da molti visionari del #FuturodelLavoro come nuovo modello organizzativo.

Vediamo brevemente di cosa si tratta.

Senza farla troppo lunga la storia dell’organizzazione parte 10.000 anni fa con modelli basati sul COMANDO e l’AUTORITA’ che hanno fatto fare un passo avanti rispetto alla cultura TRIBALE. 6.000 anni fa in Mesopotamia iniziano l’Agricoltura la Burocrazia di Stato e la Religione. Arrivano così le Piramidi, i sistemi di irrigazione e la Grande Muraglia Cinese. Ad un certo punto a qualcuno viene in mente di definire i PROCESSI, qualcosa che fosse stabile e replicabile come ad esempio la piantagione, la crescita e la raccolta in agricoltura. Inizia così l’era della RIPETITIBILITA’ che poi diventerà INDUSTRIA. Poi non molto tempo fa arrivano concetti come Innovazione, Responsabilità dell’Individuo e Meritocrazia tre elementi che hanno contribuito a formare la cultura recente di sviluppo economico, e successo personale. Comincia poi a prendere corpo l’idea che l’organizzazione sia più assimilabile ad una MACCHINA che ad un gruppo di persone e così i processi di gestione assumono la forma di input, output e flussi di informazioni. Il successo di questa interpretazione è incredibile, una ricchezza immensa viene creata a livello planetario, parte il consumismo e la visione del mondo si accorcia, dall’agricoltura passiamo alla macchina e l’orizzonte del pensiero diventa il breve termine. Osserviamo poi lo sviluppo della forte competizione, la solidarietà fra gli individui e la tolleranza che ha portato alla fine della schiavitù, all’uguaglianza fra i sessi ed a combattere il razzismo. Oggi l’organizzazione è un mix di modelli gerarchici tradizionali e modelli innovativi basati sulla formazione, la motivazione la leadership, la collaborazione e sistemi di incentivazione piuttosto articolati. Alcuni Leader, pochi attualmente ma sempre di più, stanno sviluppando un nuovo punto di vista e nuovi livelli di coscienza. Più mente, meno ego. Meno desiderio di controllo dell’ambiente circostante, meno paura degli eventi esterni, maggiore ascolto della saggezza degli altri ed una maggiore ricerca ed ascolto della parte più profonda di se stessi. Prendere decisioni basandosi su principi di integrità. Nasce così il nuovo concetto di Tela.

Cosa caratterizza un’organizzazione a Tela.

La Tela? i fili, la tessitura, è flessibile, non si strappa, è sottile, è piatta, cambia colore, cambia forma. All’occorrenza può assomigliare ad una Piramide, il vertice, il corpo centrale e la base, poi ritorna piatta.

Quali sono le differenze di un’organizzazione a Tela rispetto a quelle che conosciamo?

Autonomia decisionale
Dare all’individuo autonomia decisionale significa renderlo partecipe del funzionamento della parte dell’organizzazione che lo riguarda emettrlo in grado di relazionarsi e coordinarsi con gli altri. Il potere ed il controllo viene così “spalmato” all’interno dell’organizzazione rendendo inutili strutture sovrastanti spesso lente nel decidere e con visione molto parziale della realtà.

Espressione personale
Mentre la cultura corrente ci ha imposto di esprimere sul lavoro solo la nostra componente “professionale”, l’organizzazione a Tela invita l’individuo ad esprimere la sua personalità interiore portando tutta l’energia, la passione e la creatività nell’ambiente lavorativo.

Propositi evolutivi
Le organizzazioni a Tela basano la loro strategia su quello che il mondo si aspetta da loro. Metodologie Agili che percepiscono e rispondono sostituiscono la meccanica del budget e degli incentivi. Sembrerà paradossale ma focalizzandosi meno sul risultato ed il valore per gli azionisti (Visione a breve termine) riescono a generare risultati che spiazzano la concorrenza.

Nel prossimo post Ti parlerò di qualche esempio di organizzazione a Tela attualmente di successo.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.