B Calm and B Corp
Published in

B Calm and B Corp

Workout Le Aziende (si) raccontano, storie di educazione e cultura

Giovedì 17 giugno si è tenuto il terzo incontro di ‘Workout — le aziende (si) raccontano’, dove abbiamo parlato di aziende che credono che la formazione e l’educazione dei giovani (e non solo) sia il modo migliore di costruire il nostro futuro.

Il primo ospite di questa puntata è stata Monica Martinelli, direttrice editoriale di Settenove, casa editrice di Pesaro dedita ai temi della prevenzione alla violenza e alla discriminazione di genere.

Nata nel 2013 per contribuire alla lotta contro la discriminazione di genere attraverso la cultura e attraverso i libri (soprattutto per l’infanzia) con l’obiettivo di cercare di cambiare gli stereotipi’. Così esordisce Monica.

L’impegno di Settenove è nella formazione non solo dei giovani, ma anche di genitori ed insegnanti sulle pari opportunità, attraverso storie che raccontano di temi che spesso nella nostra cultura sono tabù (come ad esempio il ciclo mestruale), in maniera divertente e contro gli stereotipi.

Ma perchè si chiama Settenove? ‘Settenove è una celebrazione dell’anno 1979: in questo anno è stato mandato in onda un documentario relativo ad un Processo per stupro. Da questo momento sono successe tante cose e sono accaduti tanti cambiamenti, fino ad arrivare al 1996 quando per legge lo stupro è cambiato da reato contro la morale a reato contro la persona’ afferma Monica.

Giulia Detomati, Ceo di InVento Innovation Lab impresa sociale s.r.l, ci ha invece raccontato di un percorso di formazione legato alla sostenibilità ambientale e impresa BCorp.

Sono founder di Invento Lab, il nostro obiettivo è quello di trasformare il mondo partendo da programmi di education’ si introduce Giulia e continua ‘Portiamo paradigmi di modelli positivi come esempio per costruire modelli economici nuovi, che tengono conto del benessere del pianeta’.

InventoLab Bcorp Schooling

L’idea è dunque quella di far scoprire imprese che vogliono minimizzare l’impatto ambientale e presentarle nelle scuole; da qui nasce la Bcorp School, che punta sui giovani delle scuole superiori e delle università. Gli studenti progettano una vera e propria impresa, dando anche avvio a delle start up, passando quindi dalla capacità progettuale alla messa in atto dell’idea. Un esempio è Redivivus, start up nata dall’idea di eliminare la plastica dal pianeta.

Alessandro Mele, direttore generale di Cometa, con il suo intervento ha voluto porre l’accento sul diritto che tutti noi abbiamo nel ricevere un’educazione adeguata.

‘La nostra storia nasce da due fratelli che accolgono un bambino e non da un vero e proprio progetto. Abbiamo iniziato con l’accoglienza di bambini in difficoltà, cercando di prevenire la situazione dell’allontanamento dalla famiglia di origine e abbiamo iniziato a insegnare a questi ragazzi lavorare; da loro abbiamo imparato a portare il lavoro a scuola.’ ci spiega Alessandro e continua ‘Siamo riusciti a fare entrare in vigore una norma per permettere di creare una scuola in cui i ragazzi gestiscono delle aziende vere ed è in questa scuola che i ragazzi arrivano con il sorriso.’ Una scuola che permette di mettere in pratica attraverso un lavoro vero quello che viene appreso

Con loro stiamo scoprendo che chiunque è educabile, anche coloro che lasciano la scuola: ognuno di noi ha del talento, bisogna solo imparare a tirarlo fuori’. Proprio secondo il significato della parola latina educere= condurre fuori, da cui deriva EDUCARE.

Continua Alessandro:Crediamo che mettere al centro la persona fa crescere l’impresa e la collettività, contribuendo al beneficio comune.’

Una delle nuove iniziative rivolte alla integrazione è stata l’avvio di un bar a Cernobbio, in cui lavorano ragazzi con disabilità, il cui nome è ANAGRAMMA

L’ultimo intervento è stato quello di Salvatore Giuliano, dirigente scolastico IISS MAJORANA di Brindisi, istituto all’avanguardia dal punto di vista educativo, della innovazione e formazione a distanza.

Salvatore ci spiega che ‘Da quando è scoppiato il COVID abbiamo formato tantissimi docenti per la didattica a distanza e l’obiettivo è di formare entro la fine dell’anno scolastico 30mila docenti.’ e continua ‘molto spesso mancano le idee più che le risorse: nella pubblica amministrazione tutto si può fare basta avere la passione. Teniamo conto che la formazione viene dal basso, da chi è in grado di saper fare le cose.’

Oltre alla formazione a distanza, gli istituti diretti da Salvatore Giuliano scelgono l’innovazione, ad esempio attraverso la creazione di un’aula immersiva, per la realtà virtuale/aumentata senza l’utilizzo del visore (meno invasiva)

Storie avvincenti di aziende e organizzazioni nate dalla spinta di valori e principi rivolti al benessere della persona e dell’ambiente, all’accoglienza, alla vicinanza e alla voglia di mettersi in discussione.

--

--

--

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store
Lucia Longoni

Lucia Longoni

More from Medium

A Useless Mind(Alone or Useless|Useful or Accompanied)

Enriching Code with Elite Writing Principals. Huh??

Hybrid working considerations — What multinational businesses should contemplate when designing a…

You’re crap at Wordle, which is why you like it