Rilasciato Telegram 4.2: reintrodotte le bio, ma con alcune limitazioni

La versione 4.2 di Telegram introduce diverse novità.

Ecco qui l’articolo che le riunisce tutte basato, in parte, sull’articolo ufficiale del blog di Telegram.

Telegram come Snapchat e ritornano le Bio

È stata introdotta la possibilità di inviare foto e video con autodistruzione come su Snapchat, è stato ridisegnato e migliorato il photo editor ma soprattutto è stata re-introdotta la possibilità di inserire una breve biografia. Infatti, come testimonia questa guida scritta da OpenTelegramItalia, era possibile già in passato (ma in un modo più complicato) impostare una propria bio. Questa bio apparirà anche nella propria scheda profilo online (su link t.me/username) introdotta da poco per canali e bot (e con questo aggiornamento per gli user).

Ci sono delle limitazioni, però. Infatti, il numero massimo di caratteri è di 70. Paradossalmente, il numero massimo di caratteri per il nome ed il cognome è di 256 (molto più alto della bio!).

Inoltre, @TGbeta (canale autorevole su Telegram) comunica che eventuali username inseriti nelle proprie bio e nelle bio dei bot non saranno cliccabili su Android e iOS mentre gli username nelle bio dei bot (e solo quelli) saranno cliccabili su Telegram Desktop e sull’edizione specifica per macOS.

Messaggio di @TGbeta © @TGbeta, immagine NON sotto CC-BY-SA, di proprietà esclusiva dell’autore. Utilizzo in fair use

CDN: download più veloci

Un’altra novità introdotta dall’aggiornamento è un Content Delivery Network per i canali con più di 100.000 membri. Attraverso questo sistema, il cui funzionamento è stato descritto da Telegram in questo articolo dedicato, i contenuti (immagini e video) saranno scaricati più velocemente. Infatti, un CDN ha vari nodi distribuiti in tutto il mondo che consentono di raggiungere più velocemente l’utente e che evitano il sovraccarico di richieste per il server principale.

Una di questi nodi sarà posizionato in Iran perché è uno dei Paesi con i canali più grandi. I server rimarranno dove stanno.

One more thing, come diceva Steve Jobs e come ora ha detto Durov, la barra degli sticker è stata allargata.

Rapido rilascio dei sorgenti

Ogni aggiornamento Telegram deve rilasciare il codice sorgente delle varie edizioni dell’applicazione per consentire agli sviluppatori terzi (quelli che creano i cosiddetti client alternativi) di aggiornare anche le loro applicazioni. Purtroppo, molto spesso Telegram rilascia i codici sorgenti con molto ritardo ritardando, di conseguenza, l’aggiornamento degli altri client.

Ebbene, in questo caso i sorgenti sono stati rilasciati poco prima del rilascio dell’aggiornamento (come detto nel commento al rilascio su Github).


Pubblicato originariamente su mait.tech dal sottoscritto il 20 luglio 2017, il blog è stato chiuso di recente per ragioni che vi spiegherò in un post successivo.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.