Once more, my old friends: perché riavviare il TdC?

Pochi anni fa, il thread delle collezioni è morto.

Cioè, possiamo prenderci in giro e dire che non è vero: abbiamo provato due volte, su IGN (con un certo successo) e su TGM (con risultati discutibili), ma in entrambi i casi so che molti aficionados del thread sono rimasti senza un posto dove andare a discutere. C’è la chat di Telegram, che è ottima per discussioni veloci, ma non tanto per parlare in maniera più approfondita. Alla fine abbiamo semplicemente… rinunciato. Incapaci di riunire tutti gli utenti del vecchio thread, qualcuno è rimasto su IGN, qualcuno su TGM e gli altri semplicemente si sono arresi.

Perchè?

A me manca quel thread. Mi mancano le approfondite discussioni con Freezy, Dama, Alteridan… persone con cui parlo tutt’oggi, ma con cui lo stile di conversazione è chiaramente cambiato insieme al formato. E se scrivo una recensione? Dove la pubblico? Se la scrivo su TGM quelli su IGN non la leggono, e viceversa. Quindi l’unica soluzione era farsi multipli account per stare dietro a più thread.

Perchè?

Negli ultimi tempi ho perso tempo a pensare a una soluzione alternativa che potesse riunire tutti, hopefully. Il Blog delle Collezioni è il risultato di questa linea di pensiero: un posto dove tutti gli ex-utenti del thread (e non solo) possono postare i loro articoli e discuterne con gli altri, senza limitazioni come le regole dei forum o la separazione degli utenti originale. Il bello di questo metodo è che questo non sostituisce il forum, ma funge da supplemento per quando si scrive una review, uno speciale, un… qualcosa che merita di essere letto da tutti gli ex-utenti del thread. Qualcosa che possa poi essere recuperato con facilità, in qualunque momento, senza scavare tra le pagine dei thread. Perchè, insomma, nel thread abbiamo sempre messo impegno in quello che scrivevamo — non ha senso perdere tutto solo perchè la versione originale del thread è defunta.

Perchè? Perchè credo che quel thread meriti qualcosina in più dell’oblio.

Se c’è interesse, dunque, scrivere per questo blog è molto, molto semplice. Ci sono due metodi: quello personale e quello via proxy.

Per il primo basta essere accettati nella lista dei writers del blog. Niente di più facile: basta fare il login con account Medium/Google/Facebook/quelchevipare e farsi accettare da uno dei due editor, cioè me o damasosos92. Potete raggiungerci tramite la mail del blog (blogcollezioni@gmail.com), tramite i nostri nickname di Medium (Dyni Crippler e Damaso Scibetta) o semplicemente in privato via Telegram o qualunque metodo preferiate. Una volta accettati potrete scrivere quello che vi pare senza limitazioni.

Il secondo metodo è per chi è troppo pigro per fare il login: semplicemente mandate il vostro articolo all’email citata sopra, e penseremo io e Dama a pubblicarlo in vostro nome. Incoraggio comunque a farsi un account perchè le discussioni sono metà del TdC, e senza un account non potete partecipare ai commenti. Un po’ uno spreco, no?

E questo è quanto. Spero che questa idea funzioni e che ci sia un certo interesse, perchè so che la comunity del TdC esiste ancora. Riunirla non sarebbe male.

Ah, e Putt-Putt resta finchè non si trova una mascotte migliore.

Show your support

Clapping shows how much you appreciated Dyni Crippler’s story.