Victor Vran

Questo gioco, a dispetto del nome non proprio appariscente, si è dimostrato un titolo piacevole per occupare (senza annoiare) un onesto numero di ore anche a chi come me ha giocato action-rpg in tutte le salse in questi anni.
 
 Si tratta di un action-rpg come la serie Diablo ma con un approccio leggermente più action, questo perchè varie armi e relative skill premiano l’uso di un giusto ritmo di attacco con effetti extra da considerare oltre ai semplici cooldown.
 La gestione delle armi inoltre è molto semplice: ogni tipo di arma è accompagnato da un set di 3 skill (i nostri attacchi), da usare sapientemente in combo tra loro, e la possibilità di equipaggiarne due alla volta da alternare a piacere nei combattimenti.
 Questo approccio semplice mi ha ricordato Bastion, cosa ottima per chi cerca qualcosa di non troppo impegnativo senza però rinunciare ad avere un “feeling” diverso per ogni strumento di distruzione che si sceglie.
 Ovviamente la personalizzazione non si riduce solo alla scelta dell’arma, ma ci fornisce utili strumenti secondi nella forma di pozioni, poteri e bombe (come oggetti attivi), e un sistema di carte e di costumi (per una serie di bonus passivi che possono variare un po’ il gameplay di base).
 A completare il tutto c’è un semplice e pratico sistema di crafting che permette di potenziare tutto usando item inutili o doppi come materiale.

 L’avventura si dipana lungo un buon numero di livelli infestati da una fauna discretamente variegata e proponenti una serie di sfide e segreti nascosti (aka forzieri da aprire) per ottenere loot extra. La presenza della possibilità di saltare, solitamente assente in giochi simili, viene comoda più che altro per trovare i segreti ma non è da trascurare per salvarsi da situazioni spinose (insieme all’uso della schivata).
 La storia non è certo memorabile, ma i contenuti e le sfide possono tenere occupati abbastanza a lungo anche una volta conclusa, specialmente se si decide di giocare in co-op online.
 La difficoltà è abbastanza equilibrata anche se ogni tanto certi Campioni accoppiati con certi poteri possono essere discretamente fastidiosi, ma l’assenza di penalità in caso di dipartita (a meno di non voler fare un personaggio Hardcore) tengono lontana la frustrazione.
 
 Tecnicamente il titolo fa un buon lavoro nell’offrire una grafica gradevole pur mantenendo una buona leggibilità dell’azione (cosa non sempre scontata per questo genere). Credo sia anche bene dire come la semplicità generale dei comandi permetta di goderlo appieno anche se si volesse usare il pad, so che non tutti sono fan di mouse + tastiera.
 
 Per concludere dico che si tratta di un buon titolo, specialmente quando in saldo, se si vuole avere un action-rpg semplice ed immediato per togliersi lo sfizio in periodi in cui non si potrebbe giocare roba più impegnativa oppure se si cerca un gioco con cui avvicinarsi al genere.


Questo è uno di quei titoli che meriterebbero più attenzione, perché i developer hanno chiaramente deciso di seguire una strada tutta loro nonostante si ispirassero ai classici titoli rappresentanti il genere, andando quindi ad offrire un qualcosa di sufficientemente fresco e originale senza dover “reinventare la ruota” (cosa che, se non si ha un nome forte alle spalle, può facilmente allontanare la gente).

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.