Lezione del 07.04.2017

Durante la lezione del 07.04.2017 abbiamo parlato con la prof.ssa Weyland dei diversi modelli teorici che sono diventati la base della comunicazione.

- Ferdinand de Saussure (1857–1913):

è stato un linguista ed è considerato il fondatore della linguistica moderna.

Ma che cos’è la lingua? Per noi, essa non si confonde con linguaggio; essa non ne è che una determinata parte, quantunque, è vero, essenziale. Essa è al tempo stesso un prodotto sociale della facoltà del linguaggio ed un insieme di convenzioni necessarie, adottate dal corpo sociale per consentire l’esercizio di questa facoltà negli individui. Preso nella sua totalità, il linguaggio è multiforme ed eteroclito; a cavallo di parecchi campi, nello stesso tempo fisico, fisiologico, psichico, esso appartiene anche al dominio individuale e al dominio sociale; non si lascia classificare in alcuna categoria di fatti umani, poiché non si sa come enucleare la sua unità. […]Separando la lingua dalla parole, si separa a un sol tempo: 1. ciò che è sociale da ciò che è individuale; 2. ciò che è essenziale da ciò che è più o meno accidentale. […]Il legame che unisce il significante al significato è arbitrario o ancora, poiché intendiamo con segno il totale risultante dall’associazione di un significante a un significato, possiamo dire più semplicemente: il segno linguistico è arbitrario.[…]”

(F. de Saussure, Corso di linguistica generale, Bari-Roma, Laterza, 1967, pp. 19, 23–24, 83–93)

- Roman Jakobson (1896–1982):

Lui è considerato uno dei maggiori linguistici del XX secolo e il fondatore della teoria della comunicazione linguistica. In tale teoria, Jakobson assegna a ciascun elemento del processo comunicativo una particolare funzione comunicativa, che si manifesta nelle forme e nei contenuti del messaggio. Più precisamente, il rapporto tra elementi comunicativi e funzioni si articola secondo questo schema:

- Claude E. Shannon e Warren Weaver:

“La comunicazione è trasmissione di informazioni” è la definizione di comunicazione di Shannon e Weaver, due scienziati matematici. Il modello di Shannon and Weaver è il modello più conosciuto nell’ambito della comunicazione e la teoria è stata formulata nel 1949. Nessun modello aveva mai un successo così grande come quello dei due scienziati americani.

Il modello è semplice e anche chiaro. Ci sono 6 elementi fondamentali per spiegarlo:

  • Emittente
  • Destinatario
  • Canale
  • Messaggio
  • Contesto
  • Codice

Il messaggio, che è un insieme di informazione da trasmettere, passa da un emittente ad un destinatario attraverso un canale o un mezzo di comunicazione . Il messaggio viene codificato da un apparato e infine il destinatario riceve il messaggio già decodificato. Ci può essere una fonte di rumore che può modificare o deteriorare il messaggio.

Lo scopo della teoria matematica della comunicazione è quello di studiare le strategie migliori affinché il messaggio arrivi integro alla sorgente.

https://socialnetworkabc.wordpress.com/2-2-modello-shannon-weaver/

Written by: Furlan Miriam & Sadbhavana Pfaffstaller

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.