Dove/Milano, non solo città della moda

(a cura di Francesca Sala, Davide Abbate, Lorenzo Rabach)

Milano, città della moda, degli aperitivi e degli affari, è anche uno dei poli culturali più importanti d’Europa.

Sia che siate in visita in città o solo di passaggio, non potete non passare per il centro ed ammirare l’imponente Duomo in stile neogotico, risalente al XIV secolo e, senza dubbio, simbolo per eccellenza della città. Un’altra tappa fissa è il così detto “quadrilatero della moda”, che include via Alessandro Manzoni, via Monte Napoleone, via Della Spiga e corso Venezia; un vero e proprio centro del lusso tra gioiellerie, boutique di design e d’arredamento, e atelier delle griffe più importanti.


(Il Duomo di Milano — Credits Itmap.it/Storia del Duomo di Milano)

La capitale finanziaria d’Italia però non ha solo un lato commerciale: proprio nei pressi dei quadrilatero della moda spunta la Galleria Vittorio Emanuele II che vi porterà da piazza Duomo fino in Piazza “la Scala sede dell’omonimo teatro da cui prende il suo nome e dove è situato anche uno dei poli museali più significativi: Gallerie d’Italia.

L’edificio possiede molteplici identità storiche messe in risalto dalle attività di restauro e intervento architettonico con lo scopo di attuare quel delicato equilibrio tra ambienti e decorazioni di carattere eclettico. Quelli che un tempo furono i saloni bancari, oggi sono corti porticate mentre all’interno è visitare sia la sede storica che le numerose esposizioni artistiche. Nei sotterranei, invece, si trova il caveau contenente opere d’arte di valore inestimabile di proprietà della banca e visibile solo su prenotazione.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.