in the Cloud
iisbafile.gov.it

Una scuola deFacebookizzata!
… e mo? chi glielo dice che, invece, a me, i social at large mi piacciono e li ritengo ottimi ambienti di apprendimento, che se non conosciuti, sono ingovernabili a livello didattico, ma soprattutto se non usati consapevolmente, ci gettano nel digital divide più desolante? 
Come affrontare con serenità questa diffidenza digitale?

Va bene, faccio l’A.D. bambina_brava, uso la mia identità digitale

.:. All about me, myself and I
.:. #ImmOtaMammeTa
.:. Roba da ma…estre

in modo indiretto, mi rimbocco le solite maniche, e cerco una forma soft, vantaggiosa, agile per aggirare questo problema…

Capita che, il 16 ottobre, venga annunciato il lancio di Google Suite for Education e quindi, non perdo il treno delle GAFE,

ma volgo a nostro favore questa tabula rasa digitale: la mia proposta è inserita nel PDM dell’Istituto, l’iTeam accoglie con entusiasmo il challenge, e il collegio adotta il Cloud [meglio sarebbe LA Claud] di Google come ambiente digitale di apprendimento!

e mo? 
Inizio la scorpacciata ;o)

In mente ho un uso snello, condiviso, creativo di questi strumenti *gratuiti* e *diffusi* altrove, ma non nella nostra scuola, un piccolo passo, utile ad iniziare un percorso innovativo e condiviso, scalabile e pronto alla creatività progettuale… come ad esempio, quando ho iniziato a produrre slides e forms in google docs per embaddarli nei TwinSpace e Gruppi di eTwinning… ma questa è un’altra storia!


Grazie agli AD Liguria, scopro i video di A.Fini continuo ad aggiornarmi, interessante, vero?

Attivo la mia brava rilevazione dati ed informazioni, aprendo la nostra iRoom al colloquio e contagio, e uno snellissimo form in drive, che renderà chiari i vantaggi di volare nel Cloud (tanto per iniziare).

To be continued… QUI!

P.S. Certo, Spirit in the sky nel video Google Suite, lo preferivo come colonna sonora di Saving Grace ;oP

/DigitalFlowAQ

.:. Digital Flow .:. 
CC-BY-NC Claudia Valentini 2016 
.:. #
IoxytocinU .:. eTwinner L’Aquila .:. ThePotterologist .:.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.