Perché dovresti guardare Tokyo Ghoul

Uno schifo.
Inguardabile.
Fantastico!
Impareggiabile!
Questo è ciò che sentite se nel web avete voglia di chiedere cosa se ne pensa di quest’anime. L’opinione è spaccata in due parti. C’è chi lo odia e c’è chi lo ama.

Oggi parleremo di Tokyo Ghoul.

Tokyo Ghoul è un manga, e successivamente un anime, disegnato e scritto da Sui Ishida, mentre l’anime, di cui parleremo, è prodotto dalla Pierrot.
E’ articolato in due stagioni, e ne è prevista una terza.
Il protagonista della storia è Ken Kaneki, un giovane ragazzo universitario che incontrando un ghoul, una creatura che si nutre di carne umana ma con fattezze del tutto simili alla nostra razza dal nome di Rize “L’Ingorda”, si trova a causa di essa e insieme ad essa in punto di morte, e gli vengono trapiantati i suoi organi. Da qui iniziano le sue vicende: entra a far parte di una comunità di Ghoul che possiede un bar chiamato “Anteiku”, e viene in contatto con vari ghoul di ogni natura, i più importanti Touka Kirishima, Shu Tsukiyama, Hinami Fueguchi, Nishiki Nishio e tanti altri. Queste creature si contrappongono a un corpo speciale di polizia che si occupa di stanarle e ucciderle per il benessere pubblico, il CCP.

Ma perché quest’anime dalla trama così banale ha diviso in due l’opinione pubblica?
Perché obiettivamente, non è niente di che. Si è visto di meglio, specie sullo stesso genere, i disegni sono assolutamente mediocri, le animazioni scarse, l’unico personaggio caratterizzato in maniera efficace è il protagonista e i personaggi secondari sembrano fatti a posta per irritare chi cerca di capirli. L’unica cosa che ritengo superlativa sono gli opening e la soundtrack di ambedue le stagioni. Fantastiche.
Alcune cose particolarmente irritanti:

Juzo Suzuya.

Juzo Suzuya. E’ il personaggio più irritante e ridicolo che abbia mai visto in un anime. Anche se all’interno del fandom dell’opera è uno dei personaggi più amati, forse è uno di quelli che più ho odiato in assoluto. Non si capisce quale sia il suo senso, il perché delle sue azioni. Se ci fosse stato un approfondimento psicologico degno di nota, dietro le sue vicende, cavolo, sarebbe stato il mio preferito. Ma i pochi riferimenti che ci sono a lui e alla sua vita lo rendono inutile. Pari a un suricato in una lotta tra leoni. Come uno Yamcha, o addirittura uno Jirobay. Insomma, lo schifo. Se non ci fosse stato sarebbe stato un piacere per l’umanità.

Touka Kirishima

Il secondo personaggio che ho di più odiato è lei: Touka Kirishima. Nella prima stagione era uno dei miei preferiti. Ma nella seconda, tutto quello che si era capito riguardo alla sua persona va completamente a farsi fottere.
Un esempio? Le scene in cui incontra il fratello.
Oppure quando rivede Kaneki per la prima volta dopo tanto tempo. Non ha minimamente senso. Anche qui il tentativo di approfondimento della storia della suddetta risulta inconsistente, inutile. Qualcuno che conoscevo mi diceva sempre “Se non lo sai fare, non farlo” e qualcuno qui dovrebbe rinunciare alla caratterizzazione dei personaggi secondari, perché Touka Kirishima non è inutile ne del tutto irritante ma è noiosa. All’inverosimile. Se Suzuya era un suricato in uno scontro tra leoni, lei è una cicala.

Va detto che ci sono anche alcune cose buone all’interno della saga. Una delle tante, che molti hanno odiato ma che ho adorato è il power up improvviso di Kaneki. L’ho trovato epico, ed emozionante. Finalmente si lascia andare alla sua vera natura e diventa una belva, proprio come doveva essere dall’inzio.
Infatti questo, insieme ad altri elementi salvano la prima stagione di Tokyo Ghoul, che, tralasciando qualche episodio, è bella da guardare.
Del tutto sconsigliata la seconda stagione, Tokyo Ghoul√A.
Qui tutti i personaggi sono completamente sputtanati, la serie diventa una cagata pazzesca, il personaggio principale risulta inutile ed è di una noia mortale. Inguardabile.

Constatati tutti questi elementi, si possono comprendere tutte e due le opinioni riguardanti quest’anime. Sia quella che lo vede lo schifo totale, sia quella che lo considera un opera d’arte. Come possono essere capite tutt’e due, vi starete chiedendo.
Perché Tokyo Ghoul sta esattamente nel mezzo.
Tuttavia a me, nonostante ciò che possa essere trapelato, è piaciuta. L’ho guardata con piacere, e mi ha tenuto attaccato allo schermo. Tranne Tokyo Ghoul√A. Dio solo sa quanto l’ho odiata!
l mio voto in una scala da 1/10 è 6. Sufficente.
Conclusione: Guardatelo, se avete del tempo da usare, soprattutto per farvi un’ opinione vostra.
Vi lascio con la scena più bella dell’anime.

Stay tuned.

A single golf clap? Or a long standing ovation?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.