Acp99 — Un’Intelligenza Artificiale per supervisionare i gruppi Telegram

Un processore linguistico in italiano per il supporto degli utenti di chat Telegram, dalle capacità insospettabili.

Gilles Champollion
EquaCoin

--

Lo sviluppo dei social media, ed in particolare dei sistemi di comunicazione multimediali come quelli implementati dalle piattaforme Telegram e WhatsApp, richiedono attività di moderazione sempre più sofisticate che i consueti BOT non sono in grado di implementare.

Tentare di moderare un gruppo che abbia migliaia di utenti, abilitati a scrivere e postare contenuti multimediali è divenuta una sfida impossibile per i gestori delle chat. Tipicamente gli atteggiamenti che vengono assunti sono due, o si inibiscono gli utenti dal caricare contenuti multimediali oppure si creano più turni per assicurare un livello di “moderazione” continuo nel tempo.

Sulla piattaforma Telegram i compiti routinari di controllo delle chat sono solitamente implementati tramite BOT, più o meno intelligenti, capaci di soddisfare le esigenze di base degli amministratori come il controllo dei comportamenti scurrili o offensivi verso gli altri utenti, le limitazioni al numero di messaggi nell’intervallo di tempo, la protezione degli utenti dall’essere inseriti più o meno consapevolmente in liste per il marketing aggressivo ecc.

Tuttavia rimane un’ampia classe di comportamenti che non è gestibile da un semplice BOT come ad esempio l’estrazione dai post della semantica capace di discernere se è in corso incitamento all’odio, oppure l’esortazione a compiere azioni illegali, la pubblicazione di materiale proibito ecc.

E’ nata dunque l’esigenza di dotare i bot di capacità più avanzate che solitamente ricadono nel campo della Intelligenza Artificiale.

Acp99

Acp99, Advanced Chat Processor, sviluppato da envLab, è stato concepito per supervisionare le chat ed i canali Telegram, del progetto EquaCoin, ma può essere impiegato in qualsiasi contesto che abbia le stesse esigenze.

Attualmente le funzioni avanzate svolte da Acp99 sono classificabili nelle seguenti aree:

  1. La determinazione della lingua con cui sono stati scritti i post
  2. La risposta alle domande degli utenti attingendo da un database di FAQ
  3. La classificazione dei post per argomento
  4. L’estrazione del sentiment dei messaggi postati
  5. La creazione di un abstract delle pagine web postate
  6. La profilazione degli utenti per cluster comportamentali e generazionali

Al momento Acp99 monitora l’attività di molte chat Telegram con 50 mila utenti ed ha già processato oltre 2 milioni di messaggi.

Architettura del sistema

Acp99 è scritta in Python ed implementa una pipeline per l’elaborazione delle informazioni testuali (NLP).

Le principali librerie utilizzate sono Spacy per la determinazione della lingua ed il pre-processing dei testi e, Gensim per l’estrazione della semantica latente dai post e la loro classificazione, utilizzando una rete neurale con una layer intermedio di 200 pesi.

La rete neurale è stata addestrata utilizzando corpus linguistici di pubblico dominio e, nello specifico, estratti dai post accumulati nel database, per mitigare il gap linguistico tra i corpus ed il linguaggio gergale e specialistico utilizzato nelle varie chat.

Il processore linguistico è in continuo miglioramento e la rete neurale viene periodicamente riaddestrata per tenere conto dei nuovi messaggi acquisiti.

Una prima applicazione: Il processore delle FAQ del progetto EquaCoin

Acp99 nasce dalle esigenze manifestatesi nelle chat del progetto EquaCoin e, in particolare dall’esigenza di fornire informazioni agli utenti attingendo da un database di FAQ (Frequently asked questions) creato organizzando circa 4,000 domande sottoposte in chat negli ultimi 2 anni.

Per sottoporre una domanda pertinente al progetto, l’utente può digitarla in una delle chat italiane, o direttamente in chat privata con il bot, utilizzando la seguente sintassi: acp99 <domanda> ?

Ad esempio: acp99 che cos’è equacoin?

Il bot calcolerà la distanza semantica della domanda dalle altre domande presenti nel corpus e fornirà una lista delle prime dieci domande ordinate in ordine decrescente di distanza semantica:

L’utente potrà cliccare sul pulsante recante la domanda a suo giudizio più pertinente (o può anche lasciarsi trasportare dalla fantasia cliccando quelle più interessanti)

Rapidamente l’utente potrà esplorare in questo modo l’intero database delle FAQ senza cimentarsi in uno studio sistematico del progetto.

Il bot è altresì connesso alla blockchain Waves tramite un nodo dedicato e può rispondere ad interrogazioni relative ai saldi dei propri conti attingendo direttamente dalle risorse disponibili in tempo reale.

Vedremo in un prossimo articolo queste ed altre importanti funzioni come ad esempio il sistema di commercio elettronico implementato all’interno di Telegram e denominato acpStore.

Il bot può essere interrogato sia nelle chat Telegram italiane di EquaCoin che direttamente @acp99bot.

(Primo di una serie di articoli)

--

--

Gilles Champollion
EquaCoin

Investor, political observer, blockchain enthusiast, bitcoin early adopter, EquaCoin supporter.