5 indirizzi per una pausa di gusto al mare

Ostriche, ricci, fritti di mare, panini con il pesce: ecco dove andare per un’estate piena di sapore

Cosa sarebbe l’estate senza stuzzichini di mare da gustarsi davanti alla spiaggia insieme a un buon bicchiere di vino o un cocktail? È uno dei lussi della vacanza godersi il tempo con lentezza facendo le cose che amiamo di più: in questo caso mangiare.

Per questo abbiamo selezionati 5 indirizzi che sono una certezza per altrettante pause piene di gusto a un passo dal mare: un localino sul porto dove assaggiare le migliori ostriche del mondo a Genova e un altro che prepara i migliori “cuoppi” con fritto a Cetara, ma poi c’è anche quello che i fritti li mette (anche) nel panino a Polignano, l’indirizzo fronte spiaggia per un aperitivo stellato a Senigallia, e il bancone della pescheria che all’occorrenza diventa bistrot nel cuore storico di Gallipoli. Eccoli

Indarsena Oyster Bar, Genova

Ostriche, ostriche, e ancora ostriche, ma senza champagne perché quella del Gagge per tutti è l’”Ostricheria in jeans”: atmosfera informale, si mangia all’aperto sulla banchina della vecchia darsena, perché qui ciò che conta è stare bene e mangiare cose buone. Ce ne sono tantissime, a partire proprio dalle ostriche (di almeno 7–8 tipi diversi) che arrivano ogni settimana dalla Francia, e poi tanti ricci, granchi, tartufi, accompagnati da birre e vini (anche francesi). L’unica cosa che non trovi — e che lo rende ancora più speciale — sono i tradizionali piatti di un ristorante: no pasta, no frittura, no pesce al forno. Info: indarsena.it

Anikò, Senigallia

La versione gourmet del chiosco di spiaggia è Anikò, la “salumeria ittica” nata da una delle felici intuizioni dello chef stellato Moreno Cedroni nel 2003. In piazza Saffi (pieno centro) è un chiosco in acciaio, tek e cristallo dove mangiare affettati di pesce, panini di pesce, e piattini gourmet che rivisitano la tradizione come la polentina alle vongole o la lasagna ai frutti di mare, cocco e lime. Da quest’anno la novità sono i cocktail racchiusi in un menu “dei desideri liquidi” che farà impazzire anche gli intenditori. Info: morenocedroni.it

I banconi del porto, Gallipoli

Ricci a profusione, e poi cozze (anche le pelose), ostriche, tartufi di mare, gamberi e polipi appena pescati quando ci sono (ma sempre mangiati crudi): al mercato del pesce di Gallipoli (di fianco al porto mercantile) i pescatori li servono in grandi piatti di terracotta, accompagnati da un po’ di pane e un buon bicchier di vino, ancora più buono quando è il rosato che qui fanno meglio che mai. C’è anche chi serve lo champagne in accompagnamento (ma in genere lo chiedono i turisti).

Pescaria, Polignano a Mare

Ormai è un brand: da quando è sbarcato a Milano tutti vogliono andare da Pescaria, e non tutti sanno che ben prima che arrivasse nella capitale delle tendenze Pescaria era — ed è tuttora — un cult a Polignano a Mare, il meraviglioso borgo marinato noto anche per essere il posto in cui è nato Domenico Modugno. Dal 2015 (quando ha aperto) la sosta in piazza Aldo Moro per mangiare i loro panini con il polpo fritto, gamberi al ghiaccio, tartare di tonno mixati a verdure e salse buonissime è da fare. Info: pescaria.it

La Cuopperia del Convento, Cetara

Se ti piace mangiar bene e passi dalla Costiera Amalfitana una sosta a Cetara è d’obbligo: questo borgo marinaro ancora poco noto al turismo di massa, è il posto dove hanno inventato la colatura di Alici, e vale il viaggio anche perché c’è uno dei localini post spiaggia che danno più soddisfazione. Si tratta della Cuopperia del Convento: un posto nella centralissima piazzetta Grotta che vi riempie il “cuoppo” (carta paglia ripiegata a forma di cono) con tutto ciò che di buono porta il mare: fritto di calamari, totani, fritto di paranza, e i classici del fritto napoletano come le crocchette di patate e le polpette di melanzane. Info: La-Cuopperia-del-Convento

Fabiana Salsi

Giornalista freelance, scrive di food e lifestyle per…

Aceto Balsamico di Modena

Written by

Sei attento alle nuove tendenze a tavola? Il Consorzio Tutela Aceto Balsamico di Modena IGP ti propone una serie di contributi freschi, curiosi e d’autore.

Fabiana Salsi

Giornalista freelance, scrive di food e lifestyle per VanityFair.it, Donna Moderna e Starbene.

Aceto Balsamico di Modena

Written by

Sei attento alle nuove tendenze a tavola? Il Consorzio Tutela Aceto Balsamico di Modena IGP ti propone una serie di contributi freschi, curiosi e d’autore.

Fabiana Salsi

Giornalista freelance, scrive di food e lifestyle per VanityFair.it, Donna Moderna e Starbene.

Welcome to a place where words matter. On Medium, smart voices and original ideas take center stage - with no ads in sight. Watch
Follow all the topics you care about, and we’ll deliver the best stories for you to your homepage and inbox. Explore
Get unlimited access to the best stories on Medium — and support writers while you’re at it. Just $5/month. Upgrade

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store